Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Buone nuove da Casteldebole: Maietta in gruppo

A caccia di continuità per dimostrare di saper stare lassù

Dieci punti in sei giornate, e insomma, il panorama che si vede da lassù è piuttosto interessante. Adesso, però, lassù bisogna dimostrare di saperci stare. Bologna-Genoa in programma domani offre più di uno spunto, visto che la squadra di Donadoni continua ad andare a caccia di continuità e in casa, sinora, ha un filotto di successi da dover alimentare. Si dice spesso che le gare sono prove di maturità: essere maturi, domani, vorrà dire anche confermare quanto di buono fatto finora, aggiungere un ulteriore tassello e fronteggiare un Genoa che verrà per riscattare la gara con il Pescara, con tutto quel che ne è conseguito anche nei giorni successivi.

Qui Bologna – In casa Bologna la settimana è stata come una medaglia dai due volti. La piazza sta subendo il fascino del quarto posto in classifica e dà segnali di un ritrovato entusiasmo, mentre da Casteldebole invitano a tenere i piedi per terra perché il cammino da fare è ancora lungo. Gli ultimi punti interrogativi da sciogliere riguardano le corsie esterne di difesa e il cuore della mediana. A sinistra è ballottaggio tra Masina e Torosidis (favorito), con il greco che sulla carta potrebbe contendere a Krafth anche la maglia da titolare a destra. In cabina di regia il posto se lo giocano Nagy e Pulgar, con l’ungherese che sembra leggermente in vantaggio. Per il resto, al centro della difesa toccherà ancora a Gastaldello e Maietta, il centrocampo sarà completato da Taider e Dzemaili mentre in avanti ci sarà l’ormai intoccabile tridente formato da Verdi, Destro e Krejci. Out, oltre a Mirante, Morleo, Sadiq e Viviani.

Qui Genoa – «C’è un po’ di rammarico per la partita disputata con il Pescara – ha detto alla vigilia mister Juric – E’ normale che ti manchino i due punti, ma penso che la squadra si sia allenata bene in settimana e sia pronta ad affrontare questa gara. Il Bologna sta bene. Ha gamba nei tre a centrocampo che viaggiano alla grande. Davanti hanno giocatori di qualità e molto forti. Noi vogliamo fare la nostra partita sapendo che loro sono bravi. Non individuo nella difesa il loro punto debole. Hanno subito tanti gol solo a Torino in situazioni per certi versi singolari. Il Bologna non è una squadra che subisce. Le espulsioni? Sono stati errori gravi da parte dei miei. Dobbiamo mantenere la concentrazione e non cadere in questi aspetti. In trasferta abbiamo fatto delle prestazioni positive sotto il profilo della personalità».  Tanti gli assenti, dagli squalificati Edenilson e Pandev agli infortunati Pavoletti, Ocampos e Biraschi, ma anche almeno un ballottaggio da sciogliere: in difesa tra Gentiletti e il rientrante Orban. In avanti toccherà al tridente formato da Simeone, supportato da Gakpé e Rigoni.

Le probabili formazioni

Bologna (4-3-3): Da Costa; Krafth, Gastaldello, Maietta, Torosidis; Taider, Nagy, Dzemaili; Verdi, Destro, Krejci.
A disp.: Sarr, Ravaglia, Ferrari, Helander, Masina, Oikonomou, Donsah, Pulgar, Rizzo, Di Francesco, Floccari, Mounier.
All.: Donadoni

Genoa (3-4-1-2): Perin; Izzo, Burdisso, Gentiletti; Lazovic, Rincon, Veloso, Laxalt; Rigoni; Simeone, Gakpé.
A disp.: Cofie, Ntcham, Orban, Lamanna, Muñoz, Brivio, Fiamozzi, Zima, R. Asencio, Ninkovic.
All.: Juric

© Riproduzione Riservata