Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Bani:

Bani: “Siamo arrabbiati, persino il pareggio era stretto. Incomprensibile il fischio su Santander, poi abbiamo sbagliato noi”

Da oggetto misterioso a elemento in grado di trasmettere sicurezza a tutto il reparto difensivo: nel giro di due settimane, Mattia Bani ha dimostrato di essere molto più che un rincalzo a cui ricorrere in situazioni di emergenza. Il difensore ex Chievo, molto amareggiato per la sconfitta maturata all’ultimo istante contro la Roma, ha parlato così in mixed zone:

La rabbia dei vinti – «In questo momento siamo arrabbiati per i punti persi, e questo credo la dica lunga sulla partita che abbiamo fatto, personalmente anche il pareggio mi sarebbe andato stretto. Ora dobbiamo concentrarci sulla trasferta di mercoledì, ci aspetta una partita importante in casa del Genoa e vogliamo ripartire subito bene».

Episodio dubbio – «Non ho capito cos’abbia fischiato Pairetto su Santander, addirittura dal campo mi era sembrato che avesse fischiato punizione per noi. Il suo è un fischio che rovina una partita eccellente da parte nostra, ma la prestazione rimane e dobbiamo ripartire da quella».

Nessuna sorpresa – «Non mi ha sorpreso la qualità della partita del Bologna, perché giochiamo come ci chiede di fare il mister. Abbiamo tenuto alla pari contro una squadra di buon palleggio e qualità, sono contento delle occasioni che siamo stati in grado di creare e di aver dimostrato che possiamo affrontare senza paura un’avversaria come la Roma».

Disponibilità totale – «Io l’ho detto il primo giorno, sono a disposizione del mister per dare il meglio per questa squadra. Faccio parte di un gruppo eccezionale che continuo a scoprire giorno per giorno, siamo tutti ragazzi giovani che hanno desiderio di migliorarsi».

Esame di maturità fallito? – «Non penso che ci sia mancato qualcosa, quel che non doveva esistere era la punizione che è stata fischiata contro Santander. Premesso questo, dalla ripartenza che ne è scaturita abbiamo sbagliato noi a non chiudere la ripartenza di Veretout».

Mentalità vincente – «Giochiamo sempre per vincere e penso che oggi ci fossero anche le condizioni per farlo, oggi ci è andata male ma durante l’anno tutti i conti torneranno. Non ci accontentiamo mai, il nostro obiettivo è quello di fare una stagione da protagonisti».