Bigon:

Bigon: “Non ho visto squadre davvero superiori al Bologna, abbiamo le carte in regola per salvarci”

Tempo di Lettura: < 1 minuto

Di seguito, suddivise per argomenti principali, le dichiarazioni rilasciate dal direttore sportivo del Bologna Riccardo Bigon al termine del match di Marassi, che ha visto i rossoblù sconfitti 1-0 dal Genoa.

Sconfitta ingiusta – «Lo scorso anno a Marassi abbiamo vinto grazie ad un episodio, quest’anno le cose sono girate meglio a loro e si sono presi i tre punti».

Risultati bugiardi – «Non ho visto neanche una squadra davvero superiore al Bologna in questo inizio di campionato, neanche l’Inter per i primi 82 minuti. L’unica cosa che brucia è non aver vinto contro il Frosinone».

Attacco deludente – «Se mi fossi presentato con Piatek a Casteldebole mi avreste chiesto: “Chi è questo ragazzo”». Falcinelli ha fatto 12 gol in Serie A solo due anni fa, Santander è un giocatore internazionale che gioca nel Paraguay, inoltre abbiamo ancora Destro. Verdi è andato via perché è arrivato il Napoli, che è una squadra in lotta per lo scudetto, è molto difficile trattenere un giocatore cercato da una big».

No al disfattismo – «Abbiamo una squadra a cui non manca l’esperienza per reggere la pressione che c’è a Bologna, la città ha grandi aspettative ed è giusto che sia così. Io lavoro da tre anni per la salvezza, perché conquistarla non è mai semplice, ma ogni volta sembra che si vogliano abbassare le prospettive della squadra. Alla fine è il campo a parlare, a mio avviso nella parte destra ci sono dieci squadre che se la giocheranno punto a punto e vedrete che sarà così. Pure io vorrei vincerle tutte, però devo anche valutare come lavora la squadra e quanto è solido il gruppo: abbiamo tutte le carte in regola per giocarcela, non andrà così tutto l’anno».