Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Bologna, è comunque una prova di maturità

Fare ragionamenti da fine anno scolastico è fin troppo facile. La salvezza è acquisita da tempo (a conti fatti, più delle due giornate da cui è arrivata aritmeticamente) e di fronte c’è quel Chievo che nelle ultime giornate è stato fin troppe volte sinonimo di pareggi. E poi ci sono le tante assenze che di fatto obbligheranno Donadoni a mandare in campo una formazione ampiamente rimaneggiata, se non inedita. Però se è vero, come è vero, che l’obiettivo dichiarato è finire bene la stagione e quello già anticipato per il prossimo anno fare un ulteriore passo in avanti, sarebbe importante che dal Bentegodi domani arrivasse una prova di maturità sia nella prestazione che nel risultato.

QUI BOLOGNA – La settimana ha lasciato in eredità diverse assenze a mister Donadoni, che non potrà contare sugli squalificati Diawara e Oikonomou e sugli infortunati Maietta, Donsah, Destro, Da Costa, Rizzo e Zuculini. Giaccherini figura tra i convocati, ma con gli Europei ormai alle porte potrebbe non essere rischiato visto che in settimana ha accusato un fastidio muscolare. Fanno parte della spedizione anche Gastaldello e Morleo, reduci comunque da infortunio (più lieve quello dell’ex Sampdoria) e quindi non al meglio. L’altro lato della medaglia è che sono diversi i Primavera convocati: oltre al portiere Sarr anche Cestaro, Calabrese e Tabacchi. Il modulo dovrebbe essere ancora il 4-2-3-1, con Mbaye (in ballottaggio con Krafth) e Masina sulle fasce e la coppia Rossettini-Ferrari al centro. Davanti alla difesa potrebbe esserci l’occasione per vedere Crisetig o Pulgar a fianco di Brighi, mentre alle spalle di Floccari, con Brienza e Mounier sicuri del posto, potrebbe esserci spazio uno tra Zuniga e Constant.

QUI CHIEVO – In casa veneta il clima è quello che precede le vacanze, con tanto di festa, ovvero una risottata sotto la curva prevista al termine della gara. Niente conferenza stampa della vigilia per mister Maran, che ha fatto intervenire i suoi collaboratori: Christian Maraner, allenatore in seconda, Roberto De Bellis, preparatore fisico, Lorenzo Squizzi, preparatore dei portieri, Ivan Moretto e Andrea Tonelli, collaboratori tecnici, e Luigi Posenato, preparatore fisico in seconda. Tante le assenze anche per i clivensi: out (tutti per infortunio) Dainelli, Frey, Izco, Birsa, Pepe, Gobbi, Radovanovic, Castro e Cesar. Il modulo sarà il 4-3-1-2 con Mpoku (nelle ultime ore, tra l’altro, accostato proprio al Bologna) alle spalle di Floro Flores e Meggiorini.

LE PROBABILI FORMAZIONI

Bologna (4-2-3-1): Mirante; Krafth, Ferrari, Rossettini, Masina; Brighi, Crisetig; Zuniga, Brienza, Mounier; Floccari.
A disp.: Sarr, Stojanovic, Cestaro, Constant, Mbaye, Morleo, Pulgar, Taider, Acquafresca, Calabrese, Giaccherini, Tabacchi.
All.: Donadoni

Chievo (4-3-1-2): Bizzarri; Sardo, Gamberini, Spolli, Cacciatore; Pinzi, Rigoni, Hetemaj; Mpoku; Floro Flores, Meggiorini.
A disp.: Seculin, Bressan, Costa, Ninkovic, Inglese, Pellissier.
All.: Maran