Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Stiramento ai flessori per Rizzo, due settimane di stop

A caccia dei tre punti per ritrovare entusiasmo

A molti in questi giorni è tornato in mente lo 0-0 del 20 febbraio scorso, con il Bologna unica squadra a fermare la corsa della Juventus e del suo filotto di vittorie. Arrestare la corsa dell’Atalanta – puntando magari anche a qualcosa in più di un pareggio – reduce da sette vittorie nelle ultime otto gare, avrebbe un sapore particolare per più di un motivo. Oltre a bloccare la squadra rivelazione del momento, il Bologna darebbe anche un chiaro segnale contro quella che ha ormai a tutti gli effetti spodestato il Sassuolo come modello da imitare, e darebbe continuità al successo ottenuto domenica contro il Palermo.

Qui Bologna − Ancora una volta la settimana in casa rossoblù è stata vissuta con un occhio al campo e uno all’infermeria. Partendo dalle buone, anzi ottime notizie, dopo tre mesi esatti dal quel 28 agosto in cui era stato costretto a fermarsi per problemi cardiaci, Antonio Mirante torna a tutti gli effetti a disposizione, il che lascia presagire anche il suo rientro dal primo minuto. In settimana Donadoni ha invece perso Umar Sadiq per il problema alla caviglia, costringendo l’attaccante nigeriano all’intervento chirurgico che lo terrà ai box per almeno un mese. Mirante a parte, rispetto all’undici che ha battuto il Palermo non dovrebbe cambiare nulla, seppure tra difesa e mediana Donadoni abbia più di una possibilità di scelta. Più contati gli uomini nel reparto avanzato, dove dovrebbero partire ancora Krejci e Rizzo a supporto di Destro. Confermata anche la convocazione di Okwonkwo.

Qui Atalanta − “È stata una bella settimana – ha detto alla vigilia mister Gasperini – con tante soddisfazioni e attenzioni nei nostri confronti, ma domani si gioca. E credo che sarà una partita molto impegnativa perché il Bologna è una squadra forte. Oltretutto il Dall’Ara è da sempre un campo ostico per l’Atalanta, però questa può essere una motivazione importante per noi perché stiamo cercando di smentire un po’ tutte quelle che erano le tradizioni negative. Sarà una partita in cui dovremo essere molto attenti, concentrati e preparati, perché dovremo combattere. Ora tutti ci aspetteranno e vorranno provare a fermarci. Il Bologna secondo me è una buona squadra, un buon mix: fisicità, tecnica, una buona gamba, giocano con immediatezza e velocità. Sono partiti bene e poi hanno fatto qualche passo falso, ma già l’anno scorso il loro campionato era stato buono, e la rosa rossoblù ora mi sembra più completa». Out in settimana Berisha, tra i pali ci sarà spazio per Sportiello. Nel 3-4-1-2 che dovrebbe essere il modulo di domani, in avanti dovrebbe toccare a Petagna e Gomez con Kurtic a supporto. Gasperini non potrà contare sugli indisponibili Paloschi, Suagher, Konko e Cabezas.

Le probabili formazioni

Bologna (4-3-3): Mirante; Torosidis, Gastaldello, Maietta, Masina; Viviani, Nagy, Dzemaili; Krejci, Destro, Rizzo.
A disp.: Da Costa, Sarr, Ferrari, Krafth, Mbaye, Oikonomou, Donsah, Pulgar, Taider, Floccari, Mounier, Okwonkwo.
All.: Donadoni

Atalanta (3-4-1-2): Sportiello; Masiello, Caldara, Zukanovic; Conti, Kessie, Gagliardini, Dramé; Kurtic; Petagna, Gomez.
A disp.: Bassi, Spinazzola, Stendardo, Migliaccio, Carmona, Grassi, Freuler, Raimondi, D’Alessandro, Bastoni, Pesic, Pinilla.
All.: Gasperini

© Riproduzione Riservata