Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Da Costa:

Da Costa: “Fuori casa patiamo un po’ troppo dietro”

Se davanti l’assenza di Mattia Destro si sta facendo sentire, c’è un ruolo in cui il sostituto non sta facendo pagare dazio al Bologna. Ed è tra i pali, dove Angelo Da Costa sta sostituendo al meglio Antonio Mirante. Ecco le parole dell’estremo difensore brasiliano dopo il pareggio in casa del Chievo.

La gara – «È un’altra partita in cui abbiamo sofferto un po’ e ancora una volta non siamo riusciti a portare i tre punti a casa. In ogni caso, non dobbiamo guardare solo alla parte negativa ma anche a quelle positive: siamo venuti su un campo difficile e siamo riusciti a portare a casa un punto. Dobbiamo pensare che non possiamo fermarci qua, dobbiamo dare di più per conquistare i tre punti ma allo stesso tempo guardiamo anche alla parte positiva e lavoriamo in settimana sugli aspetti negativi per riuscire a migliorare».

Il Bologna su ogni campo ci prova – «Nelle ultime tre partite siamo andati su campi difficili e siamo riusciti a portare punti a casa. Non ci sono partite impossibili, dobbiamo lavorare con la mentalità di cercare di fare punti su ogni campo, pur sapendo che dobbiamo continuare a lavorare e migliorare in diverse cose».

Condizione fisica – «Nel finale ho preso solo una botta, ma è tutto a posto».

Il cammino del Bologna – «Dobbiamo guardare sempre al lato positivo, ma qualche rammarico c’è per qualche punto in più che avremmo potuto avere. Il nostro campionato poteva essere migliore, per questo non possiamo accontentarci e dobbiamo fare di più».

La Fiorentina – «Sarà una partita tosta ma non ci sono partite impossibili. Dobbiamo giocare il tutto per tutto per cercare di vincerle tutte: questo è il nostro obiettivo. Sappiamo che la Fiorentina è una grande squadra e ha grandi giocatori ma giocheremo a testa alta per fare la nostra partita».

Rendimento in casa e in trasferta – «Fuori casa partiamo un po’ troppo dietro, e questo ci fa soffrire un po’ di più, ma anche le altre squadre hanno il loro merito. Noi stessi, in casa, facciamo soffrire chi viene al Dall’Ara anche se nelle ultime partite non siamo riusciti a vincere. Dobbiamo migliorare sia in casa che in trasferta per fare un campionato migliore».

Il momento positivo – «Devo ringraziare l’allenatore dei portieri, mister Luca Bucci, e lo staff che lavora con lui. Il merito va anche a chi non gioca, come Antonio, Gomis e Sarr. Abbiamo un bel gruppo, credo che sia il segreto del nostro lavoro».

La parata più difficile – «Forse quella a San Siro contro l’Inter su Candreva: era una palla difficile e veloce. Questa sera probabilmente su Inglese nel secondo tempo: sono riuscito a respingere e la palla è rimasta lì, sono stato fortunato. C’è la firma di tutti, è una squadra che non vuole mollare mai, è consapevole di voler prendere i tre punti su tutti i campi, anche quelli più difficili. Tutti stiamo lavorando».

Foto: bolognafc.it