Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

De Leo:

De Leo: “Vittoria importante che ci dà continuità. Dobbiamo aggiustare qualcosa ma stiamo tornando la squadra dell’anno scorso”

Secondo successo di fila del Bologna per 3-2. Dopo aver battuto lo Schalke 04 lunedì scorso, i rossoblù si sono ripetuti nel pomeriggio odierno alla WWK Arena contro l’Augsburg, piegato grazie alle reti di Destro, Svanberg e Santander. Al triplice fischio, il collaboratore tecnico Emilio De Leo ha commentato con queste parole la prestazione dei rossoblù:

Un buon test – «Quella di oggi è una vittoria importante che dà continuità al lavoro che abbiamo iniziato ormai un mese fa, siamo sereni e sicuramente felici. Abbiamo espresso una buona qualità e buoni principi di gioco contro una squadra forte e ben organizzata».

Qualcosa da migliorare – «Non c’è solo la difesa da registrare, vanno fatti aggiustamenti in entrambe le fasi. Per come giochiamo noi è fondamentale accorciare il campo in avanti, cosa che oggi non ci è riuscita sempre. Quando poi le coperture preventive non vengono fatte bene subiamo qualche ripartenza, ma è un problema che conosciamo e sappiamo che dobbiamo lavorarci».

Bella reazione di squadra – «Dobbiamo ancora acquisire una continuità, non solo dal punto di vista fisico, ma soprattutto nell’interpretazione delle situazioni di gioco. Probabilmente siamo riusciti ad averla fino a un certo punto della partita, poi c’è stato un momento in cui abbiamo sentito il bisogno di rifiatare, durante il quale i ragazzi sono stati però molto bravi a ricompattarsi e a ritrovarsi».

Un King a centrocampo – «Kingsley sta stupendo un po’ tutti e non solo per le doti fisiche, sta mostrando buona tecnica e soprattutto applicazione: in un momento in cui abbiamo bisogno di ritrovare certi equilibri, la sua duttilità ci sta dando una grossa mano».

Rabbia? No, fame – «Orsolini nervoso per essere stato sostituito? Non me ne sono accorto, ma nel caso penso faccia parte della voglia di ogni singolo giocatore di dare il proprio contributo e lasciare il segno in queste partite».

Work in progress – «Non saprei dire in percentuale a che punto sia il Bologna, so però che ci stiamo ritrovando per quanto riguarda l’identità di gioco. Stiamo riprendendo in mano codici che l’anno scorso ci hanno permesso di fare tanto bene, con l’ulteriore apporto dei nuovi che si stanno integrando nel gruppo».