Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Delneri: “Il Bologna è giovane e gioca bene, dovremo stare attenti”

Delneri: “Il Bologna è giovane e gioca bene, dovremo stare attenti”

Dopo l’intermezzo vincente in Coppa italia, il Bologna riprende le sue ‘cinque giornate’ utili per capire che piega potrà prendere la stagione. Alla vittoria sul Palermo ha fatto seguito il k.o. con l’Atalanta, e ora toccherà all’Udinese misurare le ambizioni e lo stato di forma dei rossoblù.

Qui Bologna – Roberto Donadoni deve ancora farei conti con le assenze di Simone Verdi, Luca Rizzo e Filip Helander, che non ha ancora recuperato dal problema alla schiena. Out anche Sarr per sindrome influenzale, e così, con Alfred Gomis fuori dopo il rientro di Mirante, come terzo portiere è stato convocato il giovane Ravaglia. C’è comunque più di un rossoblù che giovedì in Coppa Italia ha spedito qualche segnale importante e che potrebbe dare nuove possibilità di scelta al mister. Oikonomou, comunque un ballottaggio con Ferrari, è l’indiziato per sostituire lo squalificato Gastaldello al fianco di Maietta. A destra la scelta è tra Torosidis e Krafth, mentre Masina sarà titolare sulla corsia mancina. Il tecnico ha poi a disposizione l’intero organico in mediana, con Dzemaili che rappresenta comunque il punto fermo e Nagy, Taider e Viviani a giocarsi gli altri due posti. In avanti, con Destro punta centrale e Krejci sulla sinistra, a destra si giocano il posto Mounier e Di Francesco.

Qui Udinese E per certi versi dovrà essere un Bologna pronto a rovinare la festa, visto che domani sera alla Dacia Arena è in programma un ricco programma di eventi per celebrare i 120 anni del club friulano. «Dobbiamo produrre un calcio aggressivo – ha sottolineato alla vigilia il tecnico Luigi Delneri – rendendo onore ad una serata di festa come quella di lunedì per i nostri 120 anni. La squadra è motivata, a volte gli errori fanno venire meno i risultati. Dovremo stare attenti al Bologna, è una squadra giovane che gioca bene, dovremo essere sicuri nel proporre il nostro calcio. Hanno dei prospetti interessanti come Viviani, Taider, Destro, Krejci e Di Francesco. Loro verranno a fare la loro gara, ma noi dobbiamo mettere in mostra la nostra sicurezza, senza finire nel lezioso, mantenendo l’identità nel corso di tutta la gara. La squadra è motivata, spesso incappiamo in degli errori inusuali come concetto ma migliorando sotto questo aspetto abbiamo la possibilità di fare una buona partita contro una squadra importante. Dobbiamo avere equilibrio, non possiamo cambiare squadra ogni domenica: serve serenità nei giudizi. Dobbiamo tirare fuori il nostro DNA e la nostra identità, mettere in campo le nostre qualità. I 120 anni devono essere una motivazione ma dobbiamo scendere in campo per vincere sempre, con rispetto verso società e tifosi. Speriamo in futuro di ripetere la storia scritta in questi 120 anni». Di fatto solo un’assenza in casa friulana, Ewandro, mentre continua a non trovare spazio l’ex Panagiotis Kone. Il modulo dovrebbe essere un 4-3-3 speculare a quello del Bologna, con De Paul, Zapata e Thereau in avanti.

Le probabili formazioni

Udinese (4-3-3): Karnezis; Widmer, Danilo, Samir, Felipe; Fofana, Kums, Jankto; De Paul, Zapata, Thereau.
A disp.: Perisan, Scuffet, Adnan, Angella, Faraoni, Heurtaux, Wague, Badu, Balic, Hallfredsson, Evangelista, Matos, Penaranda, Perica.
All.: Delneri

Bologna (4-3-3): Mirante; Torosidis, Oikonomou, Maietta, Masina; Taider, Nagy, Dzemaili; Mounier, Destro, Krejci.
A disp.: Da Costa, Ravaglia, Ferrari, Krafth, Mbaye, Morleo, Donsah, Pulgar, Viviani, Di Francesco, Floccari, Okwonkwo.
All.: Donadoni

© Riproduzione Riservata