Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Donadoni:

Donadoni: “Io al Cagliari? Nulla di vero. Il Bologna potrebbe avere sei-sette punti in più”

Di seguito, suddivise per argomenti principali, le dichiarazioni rilasciate da Roberto Donadoni in conferenza stampa al termine di Cagliari-Bologna, match terminato a reti bianche.

Accoglienza calorosa – «Ringrazio il pubblico di Cagliari perché ogni volta mi accoglie benissimo, ma nelle voci che mi accostano alla loro panchina non c’è nulla di vero. Il Cagliari al momento ha un’ottima guida tecnica e deve pensare a finire al meglio il suo campionato, come del resto dobbiamo fare noi, partendo già nel prossimo turno contro il Milan».

Partita equilibrata – « Noi non abbiamo mai cambiato schema, non sono passato al 4-4-2 con l’ingresso di Mbaye e Krejci, sono rimasto al 3-5-2. Fin dall’inizio ho messo Masina a tampone di Orsolini, ma al tempo stesso speravo che la squadra trovasse la voglia di spingersi in avanti. Per quanto riguarda i nostri avversari, hanno provato spesso il lancio lungo per la sponda di Pavoletti. In generale è stata una partita povera di emozioni. In alcune occasioni sembra che incidere o concretizzare sia un optional, invece non è così, dobbiamo correre e sudare per finalizzare, perché è questo che fa la differenza».

Sau vicino al gol – «Per quanto riguarda l’occasione concessa a Sau, è stato bravo lui a venire incontro al pallone, allargare sulla sinistra e buttarsi in area a ricevere il cross. Nella circostanza è stato altrettanto bravo Mirante a compiere un ottimo intervento, mentre per quanto riguarda i difensori avrebbe dovuto esserci meno indecisione, perché in quei momenti non conta chi dovrebbe marcare, l’importante è chiudere».

Un punto guadagnato o due persi? – «Anche oggi potevamo fare meglio, specialmente in fase di finalizzazione. Questi sono gli aspetti che non ci hanno permesso di avere quei sei-sette punti in più che avremmo potuto avere. Il salto di qualità passa anche da questo, dobbiamo acquisire un tipo di sicurezza che non si può trasmettere o iniettare, dobbiamo trovarlo dentro noi stessi».

Avanti così – «Questa partita non va messa su un piano diverso rispetto a quella giocata mercoledì, l’unica cosa che cambia è il risultato. Prendo per buono quello che abbiamo fatto a Genova e prendo per buono il pareggio di oggi, sapendo però che ogni volta possiamo fare un ulteriore passo in avanti».

Foto: bolognafc.it