Donadoni:

Donadoni: “Poca convinzione e lucidità, buttata un’altra chance per crescere”

Di seguito, suddivise per argomenti principali, le dichiarazioni rilasciate in conferenza stampa dal tecnico del Bologna Roberto Donadoni dopo la brutta sconfitta casalinga rimediata dai suoi ragazzi per mano del Crotone.

Bastonata che fa male – «Abbiamo perso una partita che ha dell’incredibile, prendendo tre gol su tre situazioni di rimpallo. Sul primo abbiamo perso una palla a centrocampo e loro sono andati a segnare dopo una ribattuta, il secondo è un rigore frutto di ingenuità e sfortuna, il terzo è arrivato con un altro rimpallo. Noi dobbiamo essere più bravi, crossare meglio, e dobbiamo avere meno fretta. Oggi sono passati tanti palloni dentro l’area e non abbiamo segnato, non può essere, qualcuno in quelle situazioni deve buttarla dentro. Dobbiamo crederci e attaccare con maggiore convinzione, se stiamo fuori dall’area non si segna, Simone non può sempre inventarsi due punizioni come stasera. Dobbiamo segnare anche su situazioni sporche, dobbiamo migliorare in questo. Questo match però l’abbiamo giocato bene, peccato solo per il timore di non farcela che ci ha assalito nel secondo tempo. Non possiamo accontentarci di ricevere solo la palla sui piedi, dobbiamo muoverci tra le linee e creare occasioni. Nessuno regala nulla, il Crotone ne è la dimostrazione. Se capiamo questo possiamo ripartire, altrimenti ci staremmo raccontando solo storielle. Dobbiamo riflettere, capire e imparare».

Scarsa convinzione – «Abbiamo dei difetti caratteriali. Giocatori come Krejci e Falletti, ad esempio, che possono arrivare sul fondo e crossare, stasera hanno messo solo palle a mezza altezza e con poca convinzione. È un lavoro di crescita, è chiaro che però al momento sono chance buttate. Dobbiamo recuperare in fretta pensando che il calcio è essenzialità, dobbiamo essere efficaci, fare le cose giuste con lucidità. Vogliamo impostare, creare gioco attraverso scambi e movimenti, ma ogni tanto subentra eccessivo timore, partiamo con quella frazione di ritardo che non ti fa fare la giocata giusta. In questo modo perdi tranquillità, fiducia e tutto diventa confusionario».

Aspetti da migliorare – «Dobbiamo essere più cattivi nella riconquista delle seconde palle, e avere più lucidità nel non commettere falli sciocchi, nell’avere malizia in determinate situazioni, nello sfruttare le occasioni che creiamo per fare male all’avversario».

Di Francesco, infortunio preoccupante – «Ha preso una brutta botta sul ginocchio esterno. Non so dire con esattezza quali siano le sue condizioni, serviranno gli esami strumentali».