Donadoni: “Positivo aver interrotto la striscia negativa, certo quel gol brucia tanto”

Di seguito, suddivise per argomenti principali, tutte le dichiarazioni rilasciate in conferenza stampa dal tecnico rossoblù Roberto Donadoni dopo il pareggio per 1-1 ottenuto dal Bologna a Marassi con il Genoa.

La gara – «Sicuramente è positivo aver interrotto la striscia negativa di risultati. Certo, il gol al 94 brucia parecchio, come l’episodio della nostra espulsione, che ci ha lasciato in dieci per l’ultimo tratto di partita. Nonostante tutto dobbiamo essere più incisivi in fase offensiva perché le occasioni per chiuderla le abbiamo avute. Il fatto di subire gol nel finale è storia trita e ritrita, dobbiamo migliorare. Pochi gol dalla panchina? Sì, ma non solo da chi entra, è un discorso generale. Purtroppo davanti alla porta avversaria siamo poco lucidi e su questo c’è da lavorare».

L’espulsione: Torosidis poteva fare un’altra scelta? – «Quelle sono frazioni di secondo e uno interpreta un po’ a suo modo. Il problema non è Torosidis, il problema è stato che avevamo palla noi, abbiamo scaricato male e dato a loro la possibilità di ripartire. È quello che non deve succedere, così come era accaduto prima con Simeone, sempre sulla nostra gestione: è lì che non dobbiamo cadere in questo tipo di tranello, soprattutto perché sapevamo che il Genoa impostava molto in quel modo, chiudendosi, e alla fine non erano tre difensori ma spesso cinque, per poi ripartire con queste palle lunghe appoggiandosi sugli attaccanti che sono bravi ad andare a spizzicare la palla di testa. Sono quelli gli errori, poi Torosidis ha fatto la cosa che riteneva più giusta. È chiaro che comunque ci costa ancora un’espulsione, un giocatore che perderemo anche domenica prossima, e in emergenza come siamo con i centrali ha il suo peso. Il fallo è stato valutato come intenzionale da tergo, bisogna anche riconoscere quando l’arbitro fa le scelte giuste e in questo caso secondo me ci poteva stare».

La presenza di Saputo – «È passato nello spogliatoio, ha salutato tutti e si è complimentato con i ragazzi. Era amareggiato per il fatto che abbiamo perso ancora due punti al 94’ ma contento del fatto che abbiamo ottenuto un risultato positivo. In questo senso l’ho visto ottimista».

Genoa in difficoltà, il Bologna non ne ha approfittato – «Brucia un po’ e dà fastidio ma sono più che altro amareggiato per i ragazzi. Per tutto il sacrificio, il lavoro che hanno fatto, la fatica che hanno espresso e tutte le energie spese meritavano qualcosa di più. Purtroppo le cose sono andate a finire così, dobbiamo vedere il bicchiere mezzo pieno e non mezzo vuoto anche se è chiaro che dà fastidio perdere tanti punti così nei minuti finali».

Marassi oggi – «Non fa bene al movimento calcistico, ma non so i motivi e cosa spinge i tifosi delle curve a fare questo, evidentemente avranno le loro buone motivazioni. Tutti cercano di fare in modo che le cose vadano al meglio e possano essere le più positive possibili, se poi si arriva a dei limiti di questo tipo ognuno di loro potrà spiegare le motivazioni. Da fuori posso dire che mi piacerebbe vedere lo stadio pieno, a Bologna come dalle altre parti. Questo deve essere l’obiettivo, e per raggiungerlo bisogna creare i presupposti».