Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Donadoni: “Proveremo a migliorare ancora la classifica”

Un pareggio che vuol dire salvezza. Quella aritmetica, stavolta. Un post partita all’insegna di calcoli e numeri per valutare la classifica avulsa e gli eventuali arrivi a pari punti. E poi l’ufficialità: a quota 41 il Bologna si è garantito, a tre giornate dalla fine, la possibilità di giocare in Serie A anche l’anno prossimo. Ecco le parole di mister Donadoni al termine dello 0-0 di Empoli.

La gara «I ragazzi hanno fatto la partita che mi aspettavo da loro. Dopo la vittoria con il Genoa c’è stata subito una riprova importante e questo è positivo. Ad arrivare così tante volte lì poi può mancare quel pizzico di lucidità, concretezza, attenzione e precisione che poi fanno la differenza. Avevamo comunque di fronte un avversario difficile, sono stati molto squadra, compatti e uniti. Quello che ci ha portato al pareggio è stato questo approccio positivo fin dai primi minuti: sono stati bravi e sono contento per loro».

La nota tattica «Sapevamo che ricevere la palla tra le linee, verticalizzare e cercare l’uno contro uno sarebbe stato un tipo di gioco che loro avrebbero adottato. Era importante che Brighi e Diawara facessero bene la diagonale e questo tipo di lavoro, fatto peraltro altrettanto bene anche dai centrali difensivi, Gastaldello e Maietta. Anche loro sono stati bravi, nel momento in cui Pucciarelli e Maccarone erano larghi, ad uscire a turno. Questo è stato un atteggiamento che poi ci ha ripagato».

Ultime due partite: decimo posto possibile? «Raggiungere una posizione di classifica migliore è positivo per tutti. Il Milan può anche essere in crisi ma era sotto 3-1 poi ha recuperato fino al 3-3, e questo vuol dire che ha avuto una reazione di un certo tipo. È una squadra con giocatori importanti, di qualità e che hanno orgoglio. Non sarà facile, ci teniamo a finire bene il campionato in casa nostra, dando una dimostrazione di carattere, temperamento e di squadra che sa ciò che vuole davanti ai nostri tifosi. Ci proveremo e ci prepareremo al meglio».

Brighi e Brienza «Hanno dimostrato di avere carattere e personalità e di avere a cuore l’obiettivo e l’ambiente. Questo è positivo, e fa da traino per tutti gli altri».

La posizione di Diawara «Cambia qualcosa dal punto di vista tattico, ma la posizione rimane grossomodo quella. I due centrali si alternano molto di più nel fare il riferimento, ma quando si costruisce lui è sempre davanti alla difesa. Avere a fianco un giocatore esperto come Brighi aiuta indubbiamente».

Gol annullato e presunto rigore per l’Empoli «Da dove eravamo noi non ho avuto alcun tipo di percezione. Era impossibile poter valutare. Mi adeguo a quello che ha deciso l’arbitro. Dalla panchina, riuscire a vedere quello che ha visto l’arbitro era faticoso».