Fenucci:

Fenucci: “Il VAR è un’innovazione che va migliorata, oggi il primo tiro del Napoli è stato il gol del 3-1

Al termine del match tra Napoli e Bologna, che ha visto prevalere per 3-1 i padroni di casa grazie soprattutto alla pessima direzione di gara dell’arbitro Paolo Silvio Mazzoleni, l’amministratore delegato del club rossoblù Claudio Fenucci ha commentato così quanto accaduto al San Paolo:

Un ottimo Bologna, sconfitta ingiusta – «Mi soffermerei innanzitutto sulla prestazione del Bologna, che è stata di livello. Ci chiedevamo sempre quando saremmo riusciti a fare buone prestazioni con le grandi, oggi ne è arrivata una. Abbiamo avuto parecchie occasioni da gol a nostro favore, e poi purtroppo l’intera gara è stata decisa dagli episodi. Ci siamo fatti un autogol, poi ci è stato fischiato contro quel rigore, praticamente il primo vero tiro del Napoli è arrivato con il gol del 3-1. Io credo che quest’anno l’unica volta in cui non è proprio arrivata la prestazione dei ragazzi sia stato il match contro il Torino, non trovo altre partite in cui ci sia qualcosa da rimproverare ai giocatori, e oggi abbiamo innalzato ancora di più il livello. Chiaramente per fare risultato al San Paolo devono girare anche gli episodi, e oggi ci hanno girato tutti contro, quindi la gara si è trasformata in una missione impossibile».

VAR…itoccata – «Noi siamo sempre stati favorevoli all’introduzione del VAR, e abbiamo iniziato un percorso con gli arbitri che sta eliminando gran parte delle polemiche. È chiaro che qualche discussione rimarrà perché sarà sempre presente un elemento decisivo, ovvero la discrezionalità dell’arbitro. Entrambe le parti devono continuare a lavorare: le società devono eliminare polemiche e dietrologia, ma il VAR dev’essere rivisto e devono essere migliorati gli strumenti. È un’ottima innovazione, ma deve cambiare qualcosa».

Mercato di riparazione – «Oggi non ci voleva l’uscita di Verdi dopo pochi minuti. Per quanto Krejci abbia fatto bene, con lui in campo avremmo avuto un’occasione in più. Nei prossimi giorni anche in base all’entità del suo infortunio valuteremo eventuali movimenti di mercato, anche se credo che Simone non si sia fatto nulla di grave».