Gastaldello:

Gastaldello: “Questa situazione non va bene, non possiamo andare in ferie a febbraio”

Al termine del match perso 1-0 al Dall’Ara contro un Milan ridotto in nove uomini, il capitano del Bologna Daniele Gastaldello si è presentato subito davanti a microfoni e taccuini, mettendoci la faccia. Queste le sue parole:

Pessima situazione – «Dobbiamo parlare chiaramente tra di noi perché questa situazione non va per niente bene. Per circa un’ora il Bologna è stata una buona squadra, poi ognuno ha iniziato a giocare per i fatti propri. Se non giochiamo di squadra perdiamo, e la sconfitta di oggi è un esempio lampante. Bisogna guardarsi negli occhi, ricompattarsi e ripartire dopo due k.o. brutti l’uno per il risultato, l’altro per il modo in cui è maturato».

Non ci sono attenuanti – «Tutti dicono che il campionato è già finito, ma non è affatto così. Noi calciatori facciamo il lavoro più bello del mondo e non possiamo permetterci di andare in ferie a febbraio. Inoltre, quando non si hanno pressioni e ci si può concentrare solo sulla singola prestazione, si dovrebbe lavorare ancora meglio».

Usare meglio la testa – «Ci sono state anche altre gare che andavano gestite meglio, quella di stasera bisognava vincerla e non certo perderla. Siamo in Serie A ed è necessario cercare di imparare in fretta dagli errori commessi. Non può esserci confusione quando ti ritrovi con due uomini in più, bisogna saper leggere le situazioni e tenere alta la concentrazione».

Problema fisico – «La mia sostituzione è dovuta ad un piccolo fastidio al ginocchio, fortunatamente non sembra nulla di serio».

Foto: bolognafc.it