Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Inzaghi:

Inzaghi: “È stata la nostra miglior prestazione, i ragazzi devono ripartire dalla forza con cui hanno giocato oggi”

Di seguito, suddivise per argomenti principali, le dichiarazioni rilasciate dal tecnico del Bologna Filippo Inzaghi al termine del match perso 2-1 dai suoi ragazzi al Dall’Ara contro l’Atalanta.

Enorme rammarico – «Quella di oggi è stata la nostra miglior prestazione dell’anno, per sessanta minuti siamo stati addirittura superiori all’Atalanta, è chiaro che quello che ci è mancato è stato il gol del 2-0. Purtroppo è un periodo in cui ci gira anche tutto male, a noi i rimpalli respingono lontano dei tiri che sarebbero entrati in porta, a loro fanno arrivare il pallone sui piedi dei giocatori davanti allo specchio. Mi dispiace tanto perché la squadra oggi ha avuto un buono spirito, siamo stati all’altezza dell’Atalanta così come lo eravamo stati di Torino e Sassuolo, ma contro i neroverdi e oggi avremmo meritato di portare a casa qualcosa di più».

Amarezza nello spogliatoio – «Ho visto i ragazzi molto dispiaciuti perché sono convinti di non aver meritato di perdere, io ho cercato di spiegare loro che deve rimanergli negli occhi la forza con cui hanno giocato. L’Atalanta ha una rosa incredibile, e noi siamo stati all’altezza giocandocela a viso aperto, abbiamo imbrigliato calciatori di grande talento come Ilicic e Gomez e giocato alla pari contro una squadra che si può permettere di fare uscire dalla panchina Pasalic, Rigoni e Zapata».

Staffetta Dzemaili-Poli – «Certamente non ho messo in campo Poli per abbassare il baricentro, anzi, l’esatto contrario. La mia intenzione era quella di alzare la squadra, Poli era più fresco di Dzemaili e avrebbe potuto pressare tutti. Questa cosa che ad un certo punto della partita cerchiamo di abbassarci è una sciocchezza, io inserisco chi può darci forze fresche».

Prossimi impegni – «Sono molto contento della prestazione di oggi, ma a questa squadra adesso servono i punti. La prossima partita non è decisiva, tutte le sfide sono importanti, di certo la zona salvezza è a soli tre punti da noi e vincere a Verona significherebbe tenere il Chievo molto lontano. Proseguendo con lo spirito messo in campo oggi possiamo andare a raccogliere i tre punti che avremmo meritato sia oggi che contro il Sassuolo».