Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Inzaghi:

Inzaghi: “Incassati due gol assurdi, c’è ancora tanto da lavorare. Ai giovani bisogna dare il tempo di crescere”

Di seguito, suddivise per argomenti principali, le dichiarazioni rilasciate dal tecnico del Bologna Filippo Inzaghi al termine del match della Sardegna Arena, perso 2-0 dai suoi ragazzi contro il Cagliari:

Due gol inaccettabili – «C’è rammarico e sono arrabbiato per i gol incassati, reti assurde per come prepariamo le partite, sul primo abbiamo lasciato un uomo da solo dentro l’area. Nei primi venti minuti stavamo rischiando poco e avevo la sensazione che potessimo fare qualcosa di più in fase di possesso. Poi nel nostro miglior momento, durante il secondo tempo, è arrivata la bella giocata di Castro che ha chiuso la partita. Abbiamo fatto qualche tiro interessante ma Cragno è stato bravo a neutralizzarli, comunque se non si gioca al 100% queste partite si perdono».

Passo indietro – «Quando si perde i problemi sono dappertutto, non solo in difesa. C’è ancora tanto da lavorare, dobbiamo migliorare parecchio, certo dispiace perché venivamo da due ottime prestazioni in casa. Alla ripresa spero di avere la rosa al completo, a quel punto mi auguro che la squadra inizia a crescere perché i mezzi ci sono».

Serve pazienza coi giovani – «Riguarderò la partita e cercherò di capire dove possiamo fare meglio. Se vogliamo i giovani in campo bisogna poi dargli il tempo di crescere, magari perdendo anche qualche partita. Oggi non ci siamo mai arresi, però sulle seconde palle eravamo sempre in ritardo, queste cose non si possono sbagliare in partite del genere».

Nuovo torto arbitrale – «Mi dicono ci fosse un secondo giallo a Pisacane nel primo tempo. Settimana scorsa non ci hanno dato un rigore netto ma noi continuiamo a non lamentarci: non bisogna appellarsi a queste cose, anche se indubbiamente possono generare un po’ di nervosismo nei giocatori».

Mal di trasferta – «Nonostante non fossimo in una giornata strepitosa, teniamoci le dieci conclusioni scoccate verso la porta del Cagliari e ripartiamo da quelle, cercando di fare qualcosa in più come nelle ultime due partite al Dall’Ara. Questa squadra non vince in trasferta da un anno, sapevo che i problemi c’erano e ci sono ancora, altrimenti io e dieci nuovi giocatori non saremmo qui».

Foto: bolognafc.it