Mbaye:

Mbaye: “La Fiorentina non è il Chievo”

Uno dei migliori in campo, capace di giocare con accortezza e personalità sia come esterno difensivo che come centrale: Ibrahima Mbaye ha commentato così la sconfitta per 1-0 rimediata dal Bologna a Firenze.

La gara – «Sapevamo che non sarebbe stata una partita facile. Abbiamo lottato e ci abbiamo provato fino alla fine, se abbiamo perso significa che è sicuramente mancato qualcosa. Ora valuteremo con il mister per capire cosa e per lavorarci su».

Poche conclusioni dopo il 4-1 con il Chievo – «Il Chievo non è la Fiorentina, squadra più portata a tenere la palla e tu devi difenderti. Abbiamo creato poco, come dicevo prima ora valuteremo con il mister quello che ci è mancato e cercheremo di migliorarlo la settimana prossima».

La difesa a tre – «A livello personale mi trovo bene facendo il quinto difensore a sinistra. È un modulo che abbiamo iniziato a usare di recente, deciderà il mister se giocare a tre o a quattro, ma per noi cambia veramente poco».

Il momento personale  «Io cerco sempre di fare il mio al 100%, se fino a qualche tempo fa non ero preso in considerazione dal mister significa che mi mancava qualcosa e dovevo impegnarmi di più e dare qualcosa in più. È facile dire che l’allenatore non mi fa giocare, io preferisco prendermi le mie responsabilità e dire che se non mi fa giocare la colpa è solo mia e devo lavorare».

Il chairman Saputo – «Ci è venuto a salutare e a rincuorare alla fine della partita».

Foto: bolognafc.it