Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Mihajlovic:

Mihajlovic: “Mai avuto davvero paura di non salvarmi, se poi arriviamo decimi è un capolavoro. Parlerò con Saputo al suo ritorno in Italia”

Al termine di Lazio-Bologna, match che grazie al 3-3 finale ha regalato la matematica salvezza ai rossoblù, un raggiante Sinisa Mihajlovic ha commentato così l’impresa della sua squadra in conferenza stampa, senza sbottonarsi troppo sul proprio futuro:

Salvezza mai in discussione – «Le salvezza ottenute nella mia carriera erano tutte difficili, quest’anno è stato un incubo che non finiva più ma non ho mai avuto veramente paura di non salvarmi. È invece possibile che stasera i ragazzi un po’ di timore l’avessero, ma nello spogliatoio durante l’intervallo ne abbiamo parlato e le cose si sono messe a posto».

Chiudiamo col botto! – «Ho ringraziato i ragazzi per quello che hanno fatto, ma ci manca una partita e possiamo arrivare addirittura decimi. Se la salvezza ottenuta è un mezzo miracolo, il decimo posto sarebbe un capolavoro che rimarrebbe non solo nella storia del club ma anche nei cuori e negli occhi della gente. Chiudere l’anno battendo il Napoli sarebbe semplicemente meraviglioso».

Il coraggio di cambiare – «Ho lavorato sulla testa dei ragazzi per spiegare loro la mia idea di calcio e il fatto che io voglio giocatori con tanto coraggio. All’inizio ho trovato difficoltà, anche perché la preparazione fisica non era sufficiente per reggere i miei ritmi, ma col tempo i risultati sono arrivati».

Un Destro ritrovato – «Sono contento per Mattia perché ho sempre creduto in lui, si è dovuto riprendere dagli infortuni ma quando ha giocato ha fatto quel che doveva. Abbracciandomi mi ha ringraziato per la fiducia, ma io gli ho solo fatto capire cosa deve fare per giocare con me. È al quarto gol in pochi spezzoni di partita, non voglio pensare a quante reti sarebbe se avesse giocato con continuità. Per me è un titolare, ma deve avere continuità di rendimento e imparare a peccare meno sul piano della concentrazione, oggi però sono molto felice per lui».

Cori da ambo le parti – «Mi fa piacere l’affetto dei bolognesi così come quello dei laziali, non capita spesso che un allenatore riceva apprezzamenti da entrambe le tifoserie durante una partita».

Il futuro dietro l’angolo – «Parlerò col Bologna quando tornerà il presidente Saputo, non so con esattezza quando succederà. Abbiamo aspettato tanti mesi per parlarne, possiamo aspettare senza problemi qualche altro giorno».

Foto: bolognafc.it