Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Mihajlovic:

Mihajlovic: “Non abbiamo creduto abbastanza di poterla vincere. La Juve? A loro non frega un…”

Al termine del pareggio a reti bianche maturato al Franchi tra Fiorentina e Bologna, il tecnico rossoblù Sinisa Mihajlovic ha parlato così in conferenza stampa:

Due punti persi o uno guadagnato? – «Il Bologna prima del mio arrivo aveva vinto due volte in ventuno partite, mentre nelle ultime sei partite ha ottenuto quattro vittorie e un pareggio. Sicuramente oggi non abbiamo creduto abbastanza di poter vincere la partita e ci siamo affidati troppo ai lanci lunghi, ma se mi si dice che i ragazzi hanno avuto un calo dal punto di vista del gioco rispondo che sono pienamente d’accordo a metà (ride, ndr). Quella di oggi non era una gara facile, perché il cambio di allenatore ha fatto entrare in campo la Fiorentina con un atteggiamento diverso rispetto a quello delle ultime uscite. Il nostro spirito è stato altrettanto giusto e alla fine abbiamo raccolto un punto importante, ma se nelle prossime partite giocheremo come oggi faremo molta fatica».

Calo fisico? Macché, mentale – «Non c’è stato nessun calo fisico, non è che una squadra sta fisicamente bene la settimana prima e quella dopo no. Il nostro problema è stata la scarsa convinzione di poter vincere la partita, non abbiamo osato né attaccato sufficientemente bene la profondità. So che in ogni caso questa squadra è molto diversa rispetto a com’era due mesi fa, ma a me piace alzare sempre l’asticella. La mentalità deve essere sempre quella di ricercare la vittoria, il punto di oggi resta importantissimo ma non posso venire qua e dire che la squadra ha giocato benissimo, perché non ci abbiamo creduto abbastanza e questo non mi va bene».

Nessuna polemica con i viola – «Ribadisco quanto già detto in settimana: quando allenavo io la Fiorentina tutta la curva mi urlava “serbo di m…” anche dopo una vittoria. Oggi mi sono preso i primi applausi soltanto perché sono entrato in campo con Montella (ride, ndr). Nonostante questo io non porto in alcun modo rancore, anzi, qui mi sono divertito tanto».

Tutti compatti verso la Samp… tranne Dijks – «Se sono felice di sfidare la Sampdoria la settimana prossima? Sono felice di sfidare Ferrero (ride, ndr). La Samp gioca bene, ha vinto il derby e lotta per l’Europa, e ho già detto ai ragazzi che giocando come oggi non riusciremo a batterli. Dovremo migliorare lì dove non abbiamo fatto bene nonostante l’assenza importante di Dijks, per compensarla dovremo inventarci qualcosa in settimana».

Stoccata alla Vecchia Signora – «Io sono abituato a guardare in casa mia, però una cosa la voglio dire. Un conto per la Juve sarebbe stato giocare a Ferrara con i titolari, un altro con seconde linee che comunque sarebbero titolari in qualsiasi squadra di A, ma un altro ancora è stato schierare dei ragazzini. Non mi è sembrata la cosa giusta da fare nel rispetto di chi sia gioca la salvezza, anche perché sono convinto che la Juventus avrebbe avuto i giocatori per fare un turnover più moderato, ma questo è il calcio italiano e sono sicuro che tanto a loro non freghi un cazzo».

Foto: bolognafc.it