Rassegna stampa 12/01/2018

Petkovic: “Questo pareggio è un punto di partenza, ora guai ad abbassare la guardia con Sassuolo e Genoa”

Destro infortunato, Palacio non al top della condizione, e allora ecco dall’inizio Bruno Petkovic. Il centravanti croato, 23 anni appena compiuti, ha risposto alla chiamata di Donadoni con una prova di tutto rispetto, fra sacrificio e numeri d’alta scuola. Al termine del match contro l’Inter, terminato 1-1, il colosso ex Trapani ha poi rilasciato le seguenti dichiarazioni:

Prestazione convincente – «Donadoni mi ha chiesto di aiutare i compagni, tenere la palla il più possibile, prendere qualche fallo e cercare di creare occasioni per gli altri attaccanti, così ho provato a seguire le sue indicazioni. Mi piace fare queste cose quando ho due giocatori come Verdi e Di Francesco vicini, con loro mi trovo molto bene. Peccato non aver segnato, ma sono contento perché oggi ho giocato per la squadra».

Parola d’ordine: continuità – «Sono contento della prova di tutto il gruppo, sicuramente meritavamo molto di più. Abbiamo realmente dominato la partita contro una delle capoliste del campionato a punteggio pieno, e questo per noi deve essere un bel punto di partenza. Ora guai ad abbassare la guardia contro Sassuolo e Genoa, sarebbe un grave errore pensare di avere vita più facile».

Finalmente titolare – «Giocare poco fa parte del calcio, non è mai facile ma bisogna lottare finché non arriva la tua occasione, a quel punto devi farti trovare pronto e sfruttarla».

Feeling con Palacio – «Per me Rodrigo è un esempio, come calciatore ma prima ancora come uomo: voglio imparare tanto da lui».