Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Skorupski:

Skorupski: “Prima raggiungiamo la salvezza, poi vedremo. Ieri abbiamo fatto il nostro gioco, arriveremo pronti all’esordio ufficiale”

Questa mattina dal ritiro austriaco di Neustift ha parlato Lukasz Skorupski, che nel match di ieri contro lo Schalke 04 si è messo in luce con due ottimi interventi. Il portiere del Bologna ha analizzato la stretta attualità per poi guardare al futuro, dimostrandosi sulla stessa lunghezza d’onda di Andrea Poli per quanto riguarda gli obiettivi stagionali. Ecco le principali dichiarazioni del numero 28 rossoblù:

Crescita graduale – «Venerdì scorso eravamo un po’ stanchi per via dei molti viaggi, ma non cerchiamo scuse. Ieri, invece, abbiamo disputato un’ottima gara contro una squadra forte. Il mister dopo il Colonia ci aveva chiesto di riprendere il filo e mettere in mostra il gioco dell’anno scorso, e direi che ci siamo riusciti. I carichi di lavoro sono pesanti, ora in Austria stiamo acquisendo di nuovo il ritmo partita e pian piano entreremo tutti in forma: sono sicuro che arriveremo pronti all’esordio ufficiale in Coppa Italia e poi in campionato».

Reparto difensivo – «Stiamo cercando di integrare i nuovi arrivati anche sotto il profilo della lingua, lo scopo è parlare tutti in italiano. Denswil è un ottimo giocatore, forte di testa e con un ottimo piede sinistro. Anche Tomiyasu si sta impegnando molto: è un ragazzo d’oro, sempre con il sorriso e tanta voglia di fare».

L’occhio vigile di Mihajlovic – «Dopo il Colonia ci siamo confrontati con lui perché aveva delle cose da dirci, ieri invece non lo abbiamo sentito, non ce n’era bisogno, abbiamo fatto il nostro gioco e interpretato nel modo giusto le sue idee come ci aveva chiesto: vogliamo lasciare il mister tranquillo e non farlo arrabbiare».

Nuova stagione alle porte – «Non parliamo d’Europa, restiamo sereni perché per prima cosa dobbiamo raggiungere la salvezza, poi vedremo. Io a Bologna sto bene, qui ci sono degli splendidi tifosi, la società è organizzata e abbiamo un grande mister: non vediamo l’ora che torni. Il calendario? Meglio non guardare troppo i nomi delle avversarie, le prime tre partite sono comunque importanti per noi e cercheremo di vincerle».