Sousa:

Sousa: “Il Bologna gioca bene e sta bene, entrambe abbiamo voglia di vincere”

Dopo due vittorie con squadre cosiddette ‘alla portata’ come Sassuolo e Chievo, per il Bologna torna ora ad alzarsi l’asticella. Avversaria di turno la Fiorentina ottava in classifica con 14 punti in più del rossoblù, ma non sempre irresistibile. L’obiettivo resta sempre lo stesso: allungare la striscia positiva e centrare la terza vittoria consecutiva che, sotto le Due Torri, in Serie A manca da un po’.

Qui Bologna – Alla vigilia della gara del Franchi resta aperto il punto interrogativo sul modulo, ovvero se troverà conferma il 3-5-2 visto e apprezzato contro il Chievo o se si tornerà al 4-3-3. Lo schema potrebbe in realtà essere particolarmente duttile, visto che lo stesso Donadoni, alla vigilia, ha spiegato: «Userò giocatori che mi consentano di cambiare senza dover fare stravolgimenti in corso d’opera». Si dovrebbe comunque partite con il 3-5-2, e Torosidis sembra in vantaggio su Oikonomou per completare la difesa con Maietta e Gastaldello. Sulle fasce potrebbe toccare a Krafth a destra (in ballottaggio con Mbaye) e Krejci a sinistra (in ballottaggio con Masina) con la mediana completata da Dzemaili (l’unico sicuro di una maglia da titolare a centrocampo) Viviani e Nagy, ma con Donsah e Taider comunque in lizza per il ruolo di interno. In avanti dovrebbe toccare ancora alla coppia formata da Destro e Verdi. Sempre out Rizzo, il tecnico non potrà contare neppure su Helander, tornato dall’impegno con la Nazionale con una distorsione al ginocchio destro che lo terrà ai box per tre settimane, oltre che ovviamente sullo squalificato Pulgar. Almeno 1.500 in tifosi rossoblù attesi al seguito della squadra, e in tribuna ci sarà anche il chairman Joey Saputo, arrivato a Casteldebole oggi all’ora di pranzo.

Qui Fiorentina «Il Bologna è una squadra che sta bene e gioca bene. Quando li abbiamo affrontati – ha detto alla vigilia il tecnico viola Paulo Sousa – sapevamo della loro proposta di gioco, che a me piace: alternano gioco lungo, corto e verticale, e anche quando sono rimasti in dieci hanno mantenuto la stessa idea di calcio. Sarà una partita tra due squadre con principi diversi, ma che vogliono vincere la partita. Dopo le soste abbiamo sempre trovato delle difficoltà, dobbiamo solo pensare a fare tre punti. È bello vedere giocare i giovani, non solo i figli d’arte. Per Federico Di Francesco e Federico Chiesa è ancora più difficile perché si portano dietro dei cognomi importanti. Chiesa sta vivendo molto bene questa sua situazione, questa sua crescita». Out Vecino, Bernardeschi (ancora alle prese con i problemi alla caviglia) e lo squalificato Gonzalo Rodriguez, il modulo dovrebbe essere il 3-4-2-1 con Ilicic e Saponara alle spalle di Kalinic.

Le probabili formazioni

Fiorentina (3-4-2-1): Tatarusanu; Sanchez, Tomovic, Astori; Chiesa, B. Valero, Badelj, Tello; Ilicic, Saponara; Kalinic.
A disp.: Satalino, Sportiello, De Maio, M. Olivera, Salcedo, Cristoforo, Hagi, Maistro, Milic, Babacar.
All.: Sousa

Bologna (3-5-2): Mirante; Gastaldello, Maietta, Torosidis; Krafth, Nagy, Viviani, Dzemaili, Krejci; Verdi, Destro.
A disp.: Da Costa, Sarr, Masina, Mbaye, Oikonomou, Donsah, Taider, Valencia, Di Francesco, Petkovic, Sadiq.
All.: Donadoni

© Riproduzione Riservata