Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Con l'arrivo di Skov Olsen il Bologna è praticamente fatto. Pulgar più sì che no

Con l’arrivo di Skov Olsen il Bologna è praticamente fatto. Pulgar più sì che no

In attesa di Andreas Skov Olsen (19), il cui ritorno a Bologna per la firma sul contratto è previsto tra domenica e lunedì, l’organico rossoblù per la stagione 2019-2020 può già considerarsi pressoché definito. Non se ne andrà Federico Santander (28), come ribadito nelle ultime ore dallo stesso ‘Ropero’: respinta l’offerta dallo Jiangsu Suning, a meno di proposte indecenti provenienti dalla Premier League il paraguaiano resterà sotto le Due Torri. Nulla di concreto anche sul fronte di Manolo Gabbiadini (27): al centro dell’attacco felsineo resterà Mattia Destro (28), apparso davvero pimpante in questa prima parte di preparazione, e al termine del ritiro si inizierà a parlare di rinnovo. Si attende poi di capire come evolverà la situazione legata ad Erick Pulgar (25), che al momento sembra più vicino al Bologna che non ad altre società. Solo se partisse il cileno si punterebbe con decisione su Nicolas Dominguez (21), ‘volante’ argentino di proprietà del Velez Sarsfield, in caso contrario potrebbe al massimo arrivare una seconda linea se vi sarà la cessione di Adam Nagy (24) e Godfred Donsah (23). Al completo anche la difesa per quanto concerne i titolari, resterebbe solo da individuare un vice-Dijks qualora Ladislav Krejci (27), comunque adattato nel ruolo di terzino, dovesse tornare in patria.

© Riproduzione Riservata