Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

È un Bologna che stuzzica la fantasia in ottica futura, ma un po’ troppo acerbo per il presente

Ladislav Krejčí e Adam Nagy che arrivano dall’Europeo. Federico Di Francesco con la personalità mostrata sinora (dategli una palla, un’occasione da gol e la porta da inquadrare e lui andrà al tiro) e Simone Verdi con le 5 reti segnate nelle due amichevoli disputate lo scorso fine settimana. Insomma, è un Bologna che sinora ha puntato sui giovani di talento e sulla loro voglia di emergere. Ma è anche vero che Giaccherini e i suoi 7 gol (solo per restare ai numeri) se ne sono andati a Napoli, e che Diawara ha più che la valigia in mano.
E Destro, beh, per rivedere Destro bisognerà aspettare se non due mesi, non troppo di meno. Insomma, quanto vale, oggi, questo Bologna? Numericamente, forse meno dello scorso anno, laddove per numeri si intendono i gol. Semplicemente, ancora per le prossime settimane rischia di riproporsi la domanda che ha accompagnato il finale della scorsa stagione: se non c’è Destro, chi la mette dentro? I giovani arrivati, nessun dubbio, sono tutti di belle speranze e ben venga la linea verde della società. Ma che impatto avranno sulla prossima erie A? Vale la regola che chi ben comincia è a metà dell’opera, e un inizio come quello dello scorso anno è da evitare a tutti i costi.
La buona notizia è che ci sono ancora 40 giorni per completare la rosa e di certo il mercato del Bologna non è finito. Due, tre innesti serviranno ancora per puntellare al meglio la squadra e garantire quello che, forse, finora manca: gol ed esperienza là dove le partite si decidono, dalla mediana in su. A quel punto sarà un Bologna che avrà il giusto mix. Quello di oggi è un Bologna che stuzzica la fantasia in ottica futura, che ha prospettiva, ma che forse è ancora un po’ troppo acerbo. Al puzzle manca ancora qualche tassello importante, insomma: quelli che compongono le scritte esperienza e gol certi. Per ora è evidente un passo indietro rispetto lo scorso anno, c’è però ancora un mese prima dell’inizio del campionato per porvi rimedio.

© Riproduzione Riservata