Fusco: “Ancora nessuna offerta per Viviani, Zuculini è un’idea”

Nel pomeriggio di ieri a Verona è stato presentato ufficialmente il nuovo direttore sportivo dell’Hellas Filippo Fusco, ex uomo mercato del Bologna. Di seguito alcuni estratti della sua conferenza stampa, nella quale sono stati toccati temi di grande interesse anche per il club rossoblù.

Artur Ionita «Ha tante richieste di mercato, il Verona è nelle condizioni di decidere se tenerlo o cederlo e di valutare le aspirazioni del calciatore. Se vorrà provare nuove avventure troverà un Hellas pronto a sedersi al tavolo e trattare una sua eventuale cessione. Ma non è una situazione impellente in un mercato che ancora deve cominciare».

Federico Viviani «Per lui ad oggi non abbiamo offerte, è un giocatore forte su cui il Verona ha fatto un investimento importante. Aveva fatto stagioni discrete ma mai la Serie A. Non vogliamo mettere le manette a nessuno, chi rimane qui deve farlo sentendo il peso di giocare con questa maglia così come lo sento io, queste sono le condizioni. Valuteremo insieme al suo agente le eventuali offerte, ognuno guardando ai propri interessi, ma ad oggi è un giocatore del Verona».

Franco Zuculini «Arriva da un anno difficile. A Bologna aveva conquistato il cuore di tutti per atteggiamento e attaccamento, ciò che serve in Serie B. È un giocatore in scadenza di contratto e non so se i rossoblù glielo rinnoveranno, ma la piazza lo vorrà sicuramente e noi valuteremo se è un profilo adatto al Verona. Potrebbe essere un’idea così come lo sono tanti altri giocatori».

Filip Helander e gli altri difensori «La nostra retroguardia ha dei profili importanti come Souprayen, Helander, Bianchetti, Pisano e Gollini. Chiaramente da qui in avanti bisognerà capire chi entrerà e chi uscirà».

Asse di mercato col Bologna «Il Bologna oggi è una società stabile, a livello economico hanno uno tra i proprietari più facoltosi al mondo. Se ci sarà un reciproco interesse di giocatori lo dirà il mercato. Bigon guarderà con attenzione al Verona così come guarderà anche ad altre realtà, alle assi di mercato non credo molto. Credo che il calcio sia fatto anche di rapporti e Setti ha buoni rapporti con tutti, ma alla base rimane la valutazione tecnica dei singoli».

Foto: hellasverona.it