Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Sadiq non vuole tornare a Bologna

Sadiq non vuole tornare a Bologna

Umar Sadiq (19) è stato sempre trattato con i guanti di velluto dal Bologna, fin dal principio, quando l’amministratore delegato Claudio Fenucci lo preferì a Mario Balotelli (26) e Mauricio Pinilla (32). Super Mario era una scommessa che Roberto Donadoni aveva accettato, visto che il tecnico bergamasco si era detto pronto a rilanciare l’attaccante ora in forza al Nizza, Pinilla incarnava invece la tipica punta con esperienza che avrebbe fatto al caso di una squadra ancora abbastanza acerba. Ma tant’è, l’idea di Fenucci e la sua forte stima per Sadiq ebbero la meglio, quindi a fine agosto si puntò ufficialmente su di lui, passando sopra anche ad un infortunio alla caviglia rimediato dal ragazzo a Trigoria nel corso dell’ultimo allenamento. La scelta di avvalersi delle prestazioni del classe 1997 ha però finito con l’amplificare, e non poco, i problemi offensivi che la squadra si portava dietro dalla stagione precedente. Mattia Destro come centravanti di riferimento, seppure reduce anch’egli da un infortunio molto fastidioso e dalle relative complicazioni, Floccari alle sue spalle, pure lui spesso in lotta con fastidi muscolari, e poi appunto Sadiq, neanche a farlo apposta impossibilitato a giocare. Coccolato, atteso (l’esordio in maglia rossoblù avvenne solo il 16 ottobre proprio all’Olimpico contro la Lazio), poi qualche spezzone di partita e nuovamente un infortunio a bloccare la sua avventura in maglia rossoblù. Dulcis in fundo, adesso pare proprio che il nigeriano, ormai prossimo al rientro in campo, non ne voglia più sapere di fare ritorno sotto le Due Torri, mettendo di conseguenza in seria difficoltà chi l’ha voluto e l’ha protetto, rimandando al mittente nomi importanti, e creando una problematica in sede di mercato. Perché Destro non sta attraversando uno dei momenti migliori della sua carriera, mentre Sergio Floccari (35) domani partirà destinazione Spal, uno scenario che di fatto lascia quasi completamente sguarnito il reparto avanzato felsineo e che, se il numero 19 non giungerà a miti consigli, costringerà il Bologna a cercare un’altra punta. E tanto per restare in tema, sembra ormai complicato arrivare ad Ante Budimir (25), che preferirebbe riabbracciare il Crotone e per il quale comunque si dovrebbe sacrificare Marios Oikonomou (24), proprio in un momento in cui la retroguardia deve fare i conti con le assenze di Gastaldello ed Helander. Che l’operazione Sadiq sia stata un enorme errore, nei tempi e nei modi, era abbastanza chiaro fin da principio, che però il giovane centravanti arrivasse addirittura a puntare i piedi per non tornare nel capoluogo emiliano, un po’ meno. Ma i nodi vengono al pettine, sempre.