Bigon:

Bigon: “L’obiettivo è la salvezza, e ci sarà ancora tanto da soffrire”

Questa mattina a Casteldebole, a margine della conferenza stampa di Roberto Donadoni, anche il direttore sportivo rossoblù Riccardo Bigon ha rilasciato alcune dichiarazioni sul momento attuale in casa Bologna.

C’è ancora da lottare – «Non esiste parlare di un Bologna senza più obiettivi già a novembre, e mi riferisco a quanto ho letto e sentito di recente. Voglio che sia chiaro a tutti che in questa stagione c’è ancora tanto da soffrire, bisogna affrontare ogni partita come fosse la finale di Champions. La lotta per la salvezza non è ancora chiusa, bastano un paio di risultati positivi delle inseguitrici e i giochi si riaprono. Lo scorso anno, col Verona, abbiamo chiuso il girone d’andata ad appena 8 punti, e siamo rimasti in corsa per salvarci quasi fino alla fine».

Salvezza unico obiettivo attuale – «Arriviamo da una promozione e da una stagione abbastanza difficile come quella passata, che deve servirci da insegnamento. Ora stiamo gettando le basi per il progetto a lungo termine che abbiamo impostato, ma nel breve periodo ci sarà da soffrire. Il mantenimento della categoria è un obiettivo troppo importante per noi: se ci salviamo facendo un punto in più dell’anno scorso stappiamo lo champagne, e se ci salviamo di misura stappiamo ugualmente, anche se non potremo essere soddisfatti».