Bigon:

Bigon: “Qui non si buttano via i soldi di Saputo, nel Bologna c’è gente che lavora tanto e bene”

A margine della presentazione del difensore costaricano Giancarlo Gonzalez, il d.s. del Bologna Riccardo Bigon ha fornito alcune precisazioni inerenti alle commissioni pagate dal club felsineo agli agenti di alcuni calciatori acquistati nell’ultimo anno. Ecco le dichiarazioni rilasciate dall’uomo mercato rossoblù, che ha anche mostrato i contratti in questione ai giornalisti presenti nel ritiro di Sankt Johann:

Sfogo iniziale − «Sono qui per specificare determinate cose, visto che quando si fa disinformazione o cattiva informazione è necessario intervenire per precisare valori e cifre al cospetto dei tifosi. Io sono abituato a metterci sempre la faccia e non tollero di essere messo in discussione. Se qualcuno ha una prova della mia poca professionalità la presenti, perché non accetto che il mio modo di fare il direttore sportivo venga considerato impreciso, considerando che è esattamente l’opposto rispetto a come è stato descritto».

Massima attenzione per i soldi di Saputo − «Sul sito ufficiale del club abbiamo replicato agli articoli sulle commissioni, ma alcuni amici agenti mi hanno autorizzato anche a mostrare le carte dei contratti. Con facilità non faccio nulla, neanche una passeggiata in centro, figuriamoci buttare via i soldi di Joey Saputo. I tifosi devono sapere che nel Bologna c’è gente che lavora tanto e bene, prestando grande attenzione ai soldi del presidente».

Precisazioni su Vassallo e Uhunamure − «Per Vassallo non abbiamo pagato nulla ma il suo agente riceverà 150 mila euro alla quinta presenza in Serie A e altrettanti alla decima. Per Uhunamure, invece, sono stati pagati 20 mila euro per portarlo al Bologna, ne verranno versati altrettanti all’esordio in A ed eventualmente 50 mila alla quinta presenza e 80 mila alla decima. Ad entrambi questi ragazzi auguro di raggiungere gli obiettivi prefissati nei contratti, ne sarei felice e nel caso meriteremmo applausi per averli portati in rossoblù».

Precisazioni su Petkovic e Musto − «L’agente Branchini per Petkovic, che nell’estate 2015 veniva valutato 10 milioni e che è arrivato da noi a 1,2, ha ricevuto 40 mila euro di procura e ne potrà ottenere altri 100 mila alla venticinquesima presenza da titolare, altri 150 mila alla cinquantesima oppure 150 mila se non si verificheranno queste due condizioni ma il ragazzo sarà venduto con una plusvalenza di 1 milione. Per Musto poi abbiamo pagato 15 mila euro subito, 35 mila verranno versati l’anno prossimo, 25 mila alla terza partita in Under 21, 25 mila alla terza gara in A e 50 mila alla ventesima. Ecco, questa è la verità».