Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Di Vaio:

Di Vaio: “Comportamento di Diawara inspiegabile, mai fatto nulla contro di lui”

Al termine della presentazione del nuovo acquisto Ladislav Krejčí, il club manager del Bologna Marco Di Vaio ha risposto ad alcune domande dei giornalisti presenti al Centro Sportivo Laranza di Castelrotto. Tema caldo, ovviamente, il futuro del desaparecido Amadou Diawara.

Diawara: multa in aumento ma niente causa – «Si dovrebbe presentare in ritiro ma non sappiamo se lo farà, anche se glielo abbiamo ricordato più volte, più che aumentargli la multa fino al massimo consentito per ora non possiamo fare. È una situazione surreale che speriamo di risolvere al più presto, vogliamo pensare esclusivamente alla nuova stagione, in sede di trattativa faremo ovviamente tutto il possibile per difendere il nostro capitale».

Diawara: comportamento inspiegabile – «Ci siamo rimasti male perché non c’erano le condizioni per non presentarsi qui, come società non ci siamo mai rifiutati di metterci a sedere con altri club per trattare la sua cessione né di rivedere il suo ingaggio, non abbiamo mai fatto nulla contro di lui. Se ci ha chiesto un maxi ingaggio? Assolutamente no, anche perché non si è neanche mai seduto al tavolo con noi. Io comunque credo che Amadou abbia solo voglia di giocare e di divertirsi, come ha più volte dimostrato nella scorsa stagione e anche nel pre-ritiro in Sardegna. Se dovesse tornare ci troveremmo di fronte ad una convivenza complicata, ma sarebbe la conseguenza delle sue azioni. Adesso ci aspettiamo di tutto, ma nel contempo ci auguriamo che il ragazzo prenda in mano la situazione e provi in prima persona a sistemare le cose».

Profilo di Krejčí – «Lo abbiamo osservato all’opera in varie competizioni e riteniamo sia già pronto per il nostro campionato. Tatticamente è molto preparato, unisce uno spiccato dinamismo a una grande duttilità, di base però è un’ala vecchio stampo che presidia tutta la fascia, arriva con facilità sul fondo per il cross ed è bravo anche ad attaccare l’area di rigore quando arrivano traversoni dalla parte opposta. Come piede è tutto mancino».

Mercato a centrocampo – «Prima di fare altre operazioni in quella zona vogliamo capire cosa accadrà con Diawara. Come ha spiegato lo stesso Donadoni, ora è il momento di fare alcune valutazioni, a maggior ragione dopo il rientro di Pulgar e l’acquisto di Nagy. Numericamente nel mezzo ci siamo già, poi il mercato è imprevedibile e possono sempre capitare opportunità interessanti».