Fenucci:

Fenucci: “Schouten il più vicino, Skov Olsen un obiettivo, nessuna trattativa con De Rossi. Ci auguriamo che Pulgar voglia proseguire qui”

Questa mattina, a margine della presentazione delle nuove maglie del Bologna e del rinnovo della partnership tra il club felsineo e l’agenzia Lavoropiù, l’amministratore delegato Claudio Fenucci ha fatto il punto della situazione in casa rossoblù, toccando tutti gli argomenti più caldi del momento. Ecco le sue dichiarazioni:

Obiettivo stagionale e campagna abbonamenti – «Preferiamo non fissare obiettivi specifici, partiamo dalla forte consapevolezza di voler fare meglio dell’anno scorso. Per quanto riguarda gli abbonamenti, le condizioni economiche sono rimaste identiche nonostante gli investimenti importanti fatti dalla società: ci tenevamo a mantenere i prezzi invariati per favorire sempre di più l’accesso dei nostri tifosi allo stadio».

Mercato e nuove regole – «Diverse trattative vanno definite, e c’è un tema che ci sta facendo riflettere: il Parlamento ha approvato il Decreto Crescita, dove ci sono una serie di modifiche della fiscalità per i giocatori provenienti dall’estero. Si fa ancora un po’ fatica a capire quali saranno i meccanismi di applicazione, e ci sono alcuni elementi che stanno rallentando la conclusione delle operazioni».

Takehiro, sei pronto?  – «Tomiyasu è venuto a Bologna direttamente dal Brasile, dove stava giocando la Coppa America, perché voleva conoscere la città e il luogo dove lavorerà l’anno prossimo. È poi rientrato in Giappone per riflettere sulla nostra offerta: col Sint-Truiden siamo già d’accordo, restano solo da limare alcuni dettagli col suo entourage. So bene cosa significa portare un giapponese in Italia: oggi tanti ragazzi vengono a giocare dall’Oriente in Italia, l’effetto marketing non è forte come in passato ma il nostro settore si adopererà per fare il meglio. Parliamo di un difensore estremamente valido che è già un pilastro della Nazionale, anche in ottica Olimpiadi di Tokyo 2020».

Questione Pulgar – «Sono sempre in contatto col rappresentante italiano del suo agente: l’obiettivo è ridefinire la sua posizione, anche se non sarà semplice aumentare la clausola rescissoria. Ci auguriamo che il ragazzo voglia comunque proseguire con noi».

Sirene cinesi per Santander – «Mi è arrivata voce di questo interessamento dello Jiangsu ma al momento non c’è nessuna trattativa, Federico viene da una buona stagione e a Bologna sta benissimo. Inoltre abbiamo solo due centravanti di ruolo in rosa, lui e Destro, tre quando firmeremo il rinnovo con Palacio, e nel caso di una cessione dovremmo prima trovare un sostituto».

De Rossi, voci infondate – «Conosco Daniele da tempo e nutro un grande affetto per lui, gli ho consigliato di non vestire nessun’altra maglia in Italia. Certamente non verrà al Bologna, una trattativa non c’è mai stata».

Skov Olsen nel mirino – «Il ragazzo è un vero talento e la concorrenza è fortissima, siamo in competizione con tanti altri club, alcuni dei quali disputeranno la Champions o l’Europa League. Abbiamo comunque le nostre armi per convincerlo e ci proveremo fino alla fine».

Schouten vicino – «Non so se giovedì al raduno ci sarà, ma senza dubbio è il più vicino alla firma del contratto: gli accordi col ragazzo e con l’Excelsior sono già presi, vanno solo formalizzati. Anche per lui la concorrenza era forte, l’avevano cercato diverse società importanti».

Kouame e altre operazioni – «Kouame interessa a molti club, ma al momento davanti noi siamo a posto, non parteciperemo ad alcuna asta. Del Palermo ad oggi non ci interessa nessuno, mentre sulle cessioni vediamo: come sapete c’è un limite di giocatori da inserire in lista, quindi qualcuno dovrà per forza uscire».

Coppa Italia, un sogno realizzabile – «Non è nella mentalità del club e del nostro allenatore snobbare gli appuntamenti. Partiamo con la certezza che la Coppa Italia è sì un sogno, ma anche un obiettivo da perseguire. Da questo punto di vista non ci sarà alcun calo di tensione e interesse, a maggior ragione considerando che in termini di sponsor e ascolti la finale di Coppa Italia ha raccolto più audience di quella di Champions».

Restyling del Dall’Ara – «Andremo presto in Comune per partire con l’iter, penso proprio che i tempi saranno rispettati».

Una partita speciale – «Durante la seconda parte del ritiro giocheremo un’amichevole ad Augusta, città natale di Helmut Haller, uno dei eroi rossoblù del 1964».