Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Inzaghi:

Inzaghi: “Domani tre punti obbligatori, bisogna chiudere subito la partita. Palacio sarà ancora titolare”

Alla vigilia di un importantissimo scontro diretto da giocare in casa, quello che domani pomeriggio metterà di fronte Bologna e Frosinone, il tecnico rossoblù Filippo Inzaghi ha rilasciato le seguenti dichiarazioni in conferenza stampa a Casteldebole:

Bisogna solo vincere – «Domani abbiamo l’obbligo di dare continuità alle ultime prestazioni e di ottenere i tre punti. Rispettiamo i valori del Frosinone, ma dobbiamo necessariamente vincere, sarebbe una benzina troppo importante. Giocando come abbiamo fatto nelle ultime settimane, la vittoria sarà la logica conseguenza. Saremo in casa, abbiamo bisogno del sostegno dei nostri tifosi e sono sicuro che si riveleranno la nostra arma in più: alla fine ci prenderemo tanti applausi».

Le partite vanno chiuse – «Non penso che nei secondi tempi la squadra patisca sistematicamente un calo fisico. Contro la Spal, ad esempio, il problema non è stato rallentare rispetto ai ritmi del primo tempo, quanto il non aver segnato almeno due gol nella prima frazione. Dobbiamo certamente imparare anche a gestire le nostre energie, ma io preferisco partire ai mille all’ora e provare a chiudere subito la partita».

Palacio titolare, dall’inizio anche Sansone e Soriano – «Non so ancora in che posizione, se prima o seconda punta, ma Palacio partita dall’inizio. È in forma, così come stanno bene Santander e Destro, davanti abbiamo tante opzioni. Sansone e Soriano si sono integrati molto bene, Roberto è quello che sta un po’ meglio ma hanno entrambi grandi qualità, tanto che contro la Spal ho tenuto in campo fino alla fine anche Nicola. Dzemaili la settimana scorsa ha seguito la squadra nonostante fosse infortunato, è l’ottimo giocatore di sempre e quando recupererà dalla lesione al polpaccio ci potrà aiutare tanto».

Incognite di mercato – «Non esistono intoccabili, in questa squadra De Maio è stato protagonista ma ha voluto andare via ed è stato libero di farlo. Il mercato porta delle incognite, ma non ci devono essere scuse: quello che sono qui, domani devono dare il massimo».

Futuro in ballo – «So benissimo cosa pensano di me il patron e gli altri componenti della società, così come so che ogni partita per me è una sfida: sono sicuro che questa la vincerò».