Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Inzaghi:

Inzaghi: “È diventato troppo facile vincere al Dall’Ara, dobbiamo invertire la rotta e rendere i tifosi orgogliosi di noi”

Di seguito, suddivise per argomenti principali, tutte le dichiarazioni rilasciate dal tecnico del Bologna Filippo Inzaghi questa mattina in conferenza stampa a Casteldebole, alla vigilia della difficile sfida casalinga contro la Roma.

Basta sconfitte in casa! – «Ci serve lo stesso approccio visto contro l’Inter. ma disputando una partita senza errori. È diventato troppo facile vincere al Dall’Ara, dobbiamo assolutamente invertire la rotta. La Roma sarà affamata ma lo siamo anche noi: vogliamo ripagare la fiducia che i nostri tifosi ci danno, a volte anche non meritandola. Dico però che i miei ragazzi sono sottovalutati, dopo Genova mi ha chiamato mio fratello e mi ha detto: “Leggendo pensavo aveste fatto peggio, invece…”. Il problema è che al primo tiro in porta perdiamo la partita, questo non deve più accadere».

Grande cuore dei tifosi – «Dobbiamo renderli orgogliosi di noi, metterò in campo chi ha più voglia e birra in corpo perché i tifosi del Bologna sono straordinari e meritano il meglio possibile, spero che i ragazzi abbiano capito che questo è un pubblico incredibile».

Formazione anti-Roma – «Giocherà Nagy in sostituzione di Pulgar, è un ragazzo che ascolta e merita spazio. Paz verrà in panchina, anche se ha nelle gambe solo un paio di allenamenti, Calabresi giocherà una delle prossime due gare. Tutti i ragazzi mi stanno mettendo in difficoltà, non è facile lasciar fuori qualcuno».

Cambio di modulo in vista? – «Conta soprattutto l’interpretazione di un determinato modulo. Poi è ovvio che lo schema incide, devo mettere i giocatori nelle condizioni migliori per esprimersi al top. Se continueremo ad avere difficoltà nell’andare in gol cercherò delle alternative, ma al momento vedo una squadra che non si è fatta schiacciare da nessuno».

Orsolini scalpita – «Se dovessi optare per Riccardo dall’inizio probabilmente cambierei qualcosa, schierandolo più avanti: a gara in corso può anche fare la mezzala, ma dal primo minuto lo inserirei come esterno offensivo».

Okwonkwo cerca la conferma – «A Marassi l’ho fatto giocare perché avevo previsto una partita del genere, nel primo tempo ha fatto tre cose importanti e deve continuare a mettermi in difficoltà in allenamento. Ora ha un’autonomia di circa 60-65 minuti».

Si punta su Santander – «Se Federico sta bene gioca».

Palacio, è ancora presto – «Voglio che guarisca al 100%, ancora non si sente libero di forzare e forse per il completo recupero ci vorranno altri dieci giorni».