Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Inzaghi:

Inzaghi: “Soriano titolare, Sansone e Destro forse, possibile il 3-4-3. Sul mercato la società mi sta accontentando, Spinazzola ci interessa”

Il 2018 è ormai alle spalle, il 2019 si apre con tanta carne al fuoco sul mercato e con la sfida ad una corazzata (quasi) imbattibile. Questo pomeriggio in conferenza stampa a Casteldebole, il tecnico rossoblù Filippo Inzaghi ha presentato così Bologna-Juventus, match valido per gli ottavi di finale di Coppa Italia che si giocherà domani sera al Dall’Ara:

Non partiamo sconfitti – «Siamo stati all’altezza del Napoli, domani proveremo ad esserlo anche della Juventus. Affronteremo quella che forse è la squadra più forte d’Europa, ma ci siamo conquistati questa partita e ce la vogliamo giocare senza paura».

Tre forfait – «Per domani, oltre allo squalificato Poli, non saranno convocati Paz, Dzemaili e Nagy. Adam ha preso una botta al ginocchio e tornerà la settimana prossima, così come Blerim che ha un indurimento al polpaccio. Paz ha un acciacco molto simile, mentre Santander ha solo un’infiammazione e nei prossimi giorni si preparerà per la sfida contro la Spal».

Lotta per la titolarità – «L’assenza di Santander potrebbe liberare una casella per Destro, ma non è l’unico ad avere la possibilità di giocare. Devo decidere se schierarmi o meno con due punte veloci, in base a questo deciderò chi mandare in campo. Non ci sono gerarchie, anche se sono passati mesi dall’inizio della stagione, scende in campo chi ha più grinta e chi fa vedere che non gli importa del suo nome sulla maglia, ma solo del bene del Bologna. Pulgar? Per giocare deve essere sempre quello che è stato a Napoli».

Sansone, Soriano e il modulo – «Sansone e Soriano sono due giocatori che non avrei mai pensato di allenare a Bologna, devo ringraziare la società se ho questa opportunità. Ho gradito il loro approccio, si sono messi a disposizione nella maniera giusta e mi piace molto la loro duttilità. Roberto è la mezzala che ho voluto e cercato, nel 3-5-2 diventa il trequartista che mi serviva: ha quei gol nelle gambe che ci servono e che le mie mezzali hanno sempre trovato, come ad esempio Poli nelle ultime partite. Nicola nel 3-5-2 farebbe la seconda punta, mentre nel 4-3-3 l’ala, così come nel 3-4-3, modulo con cui tra l’altro potremmo scendere in campo domani. Se Saranno titolari già domani? Soriano sicuramente, Sansone devo valutare se utilizzarlo per trenta o sessanta minuti».

Un occhio al mercato – «La società sta facendo di tutto per accontentare le miei richieste e sono molto contento di questo, come giustamente l’a.d. Fenucci ha già detto Spinazzola è un profilo che ci interessa perché è capace di giocare in un centrocampo sia a quattro che a cinque. Ora le idee sul mercato sono più chiare rispetto a quanto non lo fossero in estate, questi mesi mi hanno aiutato a capire cosa può essere sistemato e parlandone con la società abbiamo capito che le nostre idee collimano. In questi giorni ci siamo tutti presi le nostre responsabilità e ci siamo posti l’obiettivo di fare meglio, senza dimenticare che in questi mesi sono arrivate anche ottime prestazioni, come quella contro il Milan e quella contro il Napoli».

La carica del presidente – «Io vorrei giocare, ma siccome non posso devo motivare la squadra a dare il meglio. Sono carichissimo e motivato, come del resto tutti quelli che tengono al Bologna, in primis il patron Saputo: il suo ultimo video dimostra quanta voglia abbia di gare belle cose alla guida di questo club».