Mihajlovic:

Mihajlovic: “Dobbiamo approfittare del momento difficile del Milan e chiudere i conti. Calabresi e Svanberg al posto di Mbaye e Soriano”

Milan-Bologna chiuderà lunedì sera la 35^ giornata di Serie A e Sinisa Mihajlovic, alla vigilia della trasferta che potrebbe consegnare ai rossoblù la matematica salvezza, ha parlato così in conferenza stampa a Casteldebole:

Chiudiamo i giochi – «Domani ci giochiamo la salvezza matematica contro una squadra che sta vivendo un momento di difficoltà, e noi dovremo essere bravi a sfruttarlo. Abbiamo fatto tanto, ma in realtà è come non avessimo fatto nulla, per raggiungere l’obiettivo ci manca l’ultimo passo. Se affronteremo l’impegno come spesso abbiamo fatto da quando sono arrivato io, potremo certamente fare bene».

Milan vulnerabile – «Io non ho mai ottenuto niente di buono dai ritiri punitivi, e conoscendo Gattuso sono sicuro che abbia fatto di tutto per evitare questa situazione. Il ritiro è un po’ l’ultima spiaggia, quindi domani ci troveremo davanti una squadra arrabbiata e desiderosa di ottenere punti importanti in chiave Champions. Il momento che stanno attraversando è simile a quello da cui arrivava l’Inter quando l’abbiamo sfidata a febbraio. Conosco il pubblico rossonero, ha ancora meno pazienza di quello nerazzurro, psicologicamente avremo un vantaggio rispetto ai nostri avversari anche se loro giocano in casa».

Tocca a Svanberg – «Sostituire Soriano è una grande responsabilità, a poterlo fare sarebbero in due o tre ma ho già deciso di far giocare Svanberg. È giovane, ha corsa, fisico e tiro, e potenzialmente potrebbe diventare un titolare. Domani sarà l’occasione giusta per testarlo».

Fiducia ai soliti – «Oltre a Mattiello mancherà anche Nagy, che ha una forte emicrania e capogiri. Destro e Santander stanno bene, e al posto di Mbaye ci sarà Calabresi. Per capire il resto della formazione non ci vuole un ingegnere nucleare, anche se nemmeno a mio figlio che gioca al fantacalcio dico per intero che squadra schiererò (ride, ndr). Mi dispiace non riuscire a dare spazio a tutti i ragazzi che ho in rosa: al mio arrivo qui ho dovuto cambiare le cose molto in fretta, e quando mi sono accorto che la squadra rispondeva ho pensato fosse meglio mantenere tutto così».

Bocca cucita– «Del mio futuro non voglio parlare. Lo faremo a salvezza raggiunta».