Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

A Casteldebole acceso diverbio tra un tifoso rossoblù e Roberto Donadoni

A Casteldebole acceso diverbio tra un tifoso rossoblù e Roberto Donadoni

Questo pomeriggio a Casteldebole, poco prima dell’allenamento della squadra, è andato in scena un alterco tra un tifoso rossoblù e Roberto Donadoni. Marco, questo il nome dell’uomo, ha chiesto chiarimenti in merito al gesto dell’ombrello che l’allenatore avrebbe rivolto a lui e ad altre persone domenica dopo Bologna-Chievo fuori dallo stadio Dall’Ara, e la conversazione si è subito scaldata. Per cercare di calmare gli animi e difendere Donadoni, che ha tacciato il tifoso di averlo insultato e di raccontare il falso, sono arrivati nell’ordine Renato Olive, Luca Gotti, Marco Di Vaio e Riccardo Bigon, ma un vero e proprio chiarimento tra i due non è avvenuto. Anzi, dopo aver difeso a gran voce il proprio lavoro, il mister si è allontanato senza aggiungere altro, mentre Marco provava a spiegare le proprie ragioni al club manager, sostenuto da un gruppetto di sostenitori presenti domenica sul luogo dell’accaduto.
I fischi nel finale del match contro la Roma, lo striscione esposto fuori dal centro tecnico e oggi questo diverbio, tutti episodi che testimoniano un clima di grande insoddisfazione attorno al Bologna, ma soprattutto di un rapporto ormai logoro e difficilmente recuperabile tra gran parte della tifoseria felsinea e lo stesso Donadoni.

© Riproduzione Riservata