Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Un'azione di Bologna-Schalke 04 (foto: bolognafc.it)

Brienza non basta, il Bologna cede 2-1 con onore allo Schalke 04

Terza e ultima amichevole in terra austriaca per il Bologna, che nel piccolo Waldstadion di Mittersill affronta un avversario di comprovato livello internazionale, lo Schalke 04. La grande novità è il ritorno da titolare di Destro al centro dell’attacco nel 4-3-3 schierato da Donadoni, con Maietta al fianco di Gastaldello in difesa e Pulgar preferito inizialmente a Nagy in cabina di regia. Un segnale molto positivo in vista dei primi impegni ufficiali, nonostante l’autonomia e il dinamismo del numero 10 siano ancora lontani da quelli dei giorni migliori. Assenti Taider, in permesso a Tolosa per l’imminente nascita del figlio, e Mounier, per un leggero affaticamento muscolare.
Fin dalle prime battute la superiorità tecnica ma soprattutto fisica dei tedeschi emerge in modo piuttosto evidente, e si concretizza al 10’ con il gol del vantaggio: cross di Caiçara, gran botta al volo di Choupo-Moting respinta con un mezzo miracolo da Mirante e tap-in vincente dell’argentino Di Santo, che di testa beffa sia Gastaldello che lo stesso portiere rossoblù. Il Bologna, tra passaggi sbagliati e lanci sbilenchi, riesce comunque a farsi vivo dalle parti di Nübel al 14’ con una conclusione di Verdi su corner di Krejčí, fuori di poco, e con una rasoiata dal limite di Donsah su assist di Verdi, troppo centrale. Prima del riposo c’è spazio anche per un’altra inzuccata di Di Santo su punizione di Geis che si perde abbondantemente a lato.
Ad inizio ripresa Donadoni inserisce Nagy per Rizzo e con il giovane ungherese ad impostare l’azione le cose migliorano notevolmente. Il fraseggio si velocizza, i felsinei guadagnano metri di campo al 12’ sfiorano il pari con uno splendido traversone di Krejčí sul quale Destro non arriva per un soffio. 1-1 però soltanto rimandato, perché al 22’ Pulgar serve in profondità il neo entrato Brienza che con un diagonale da applausi fa secco il secondo portiere dello Schalke Wellenreuther. Per i rossoblù, trascinati da un Verdi già in forma campionato, è la fase migliore della partita, la vittoria sembra possibile ma proprio sul più bello ecco la beffa teutonica: discesa centrale di Kehrer, palla per il classe 1997 Pekpetey e stoccata imparabile alle spalle di Da Costa.
Nel finale, alla ricerca del 2-2, è ancora Brienza a salire in cattedra, prima servendo una gran palla in verticale per Di Francesco, poi raccogliendo la corta respinta con i piedi di Wellenreuther e accarezzando l’incrocio dei pali con il mancino dai venti metri, a porta pressoché sguarnita. Nulla di fatto e altra sconfitta di misura per il Bologna, dopo quella rimediata martedì contro il Colonia. Peccato, considerando il valore dell’avversario e alla luce di un secondo tempo più che discreto, ma c’è ancora tanto da lavorare un po’ in tutti i reparti (oltre che sul mercato) per presentarsi nel migliore dei modi al match di Coppa Italia del 12 o 13 agosto al Dall’Ara.

IL TABELLINO

BOLOGNA (4-3-3): Mirante (25’ st Da Costa); Krafth (20’ st Rossettini), Gastaldello (20’ st Oikonomou), Maietta (20’ st Cherubin), Masina (20’ st Morleo); Donsah (32’ st Di Francesco), Pulgar (32’ st Crisetig), Rizzo (1’ st Nagy); Verdi, Destro (20’ st Brienza), Krejčí.
All.: Donadoni

SCHALKE 04 (4-2-3-1): Nübel (1’ st Wellenreuther); Caiçara, Howedes (1’ st Nastasic), Naldo (25’ st Reese), Aogo; Geis (25’ st Kehrer), Kolasinac; Choupo-Moting (25’ st Neumann), Di Santo (25’ st Tekpetey), Embolo (25’ st Ayhan); Huntelaar (1’ st Baba).
All.: Weinzierl

Arbitro: Aufschneiter (Austria)
Ammoniti: 38’ pt Gastaldello (B), 45’ pt Di Santo (S)
Espulsi:
Marcatori: 10’ pt Di Santo (S), 22’ st Brienza (B)
Recupero: 0’ pt, 0’ st

© Riproduzione Riservata

Foto: bolognafc.it