Il Bologna e Donadoni verso la separazione, manca solo l'annuncio ufficiale

Donadoni: “Ci sono ancora tanti punti in palio, vogliamo fare meglio della scorsa stagione”

Anche Roberto Donadoni era presente oggi a Coverciano per la consegna della Panchina d’Oro, premio che per l’anno 2016 è stato assegnato a Maurizio Sarri del Napoli. A margine della cerimonia, l’allenatore del Bologna ha rilasciato alcune dichiarazioni ai giornalisti presenti.

Il riconoscimento a Sarri – «La sua vittoria è meritata: inevitabile il testa a testa con Allegri, visti i risultati di Juventus e Napoli nella passata stagione».

Il momento del Bologna – «Le ultime due vittorie sono state un’iniezione di fiducia, anche perché arrivate al termine di buone prestazioni. Ora bisogna dare continuità a questo momento positivo, a cominciare dalla partita di Firenze domenica. I bilanci per la stagione del Bologna li faremo come sempre alla fine, però diciamo che siamo abbastanza in linea con quelli che erano i nostri intendimenti. L’obiettivo è cercare di fare un po’ meglio della scorsa stagione. Se riusciremo a farlo, saremo stati bravi».

La gara con la Fiorentina – «Ci siamo salutati con Paulo Sousa, non abbiamo parlato di domenica prossima. Vedremo quello che sapremo fare poi sul campo. La possibile assenza di Bernardeschi? Anche noi abbiamo qualche giocatore fuori, gli svantaggi sono reciproci. Ci sono ancora tanti punti in palio, i viola hanno ancora la possibilità di lottare per le coppe europee ».

Il futuro ancora a Bologna – «Ho un contratto per il prossimo anno, adesso altre cose non ce ne sono».

La partenza di Dzemaili per Montreal – «Lo sapevamo. Vedremo cosa farà da qui a fine stagione, ma resta sempre in famiglia».