Donadoni:

Donadoni: “La Nazionale? Se succederà la prima a doverlo sapere è la proprietà”

Se fino poco tempo fa era considerato un dubbio, ora non lo è più. Roberto Donadoni pensa alla Nazionale e con ogni probabilità non rifiuterebbe una chiamata del presidente federale Tavecchio, che in lui vede il dopo Conte. È stato lo stesso tecnico bergamasco a rilasciare oggi le seguenti dichiarazioni a Rai Sport.
«È chiaro che tutti ambiscono a traguardi ambiziosi, ma non è detto che non possa raggiungerli col Bologna. La cosa fondamentale è che ci sia estrema chiarezza e correttezza, tutte le cose possono accadere, però con grande trasparenza. Se mai dovesse succedere una cosa di questo tipo è chiaro che la prima a dover conoscere le cose è la mia proprietà».
Come dire, basta una cenno e il futuro di Donadoni potrebbe essere ridiscusso, nonostante un contratto col Bologna fino al 2018. Una chiusura da parte del tecnico bergamasco, in un senso o nell’altro, non c’è ancora stata.