Eppure sorrido

Eppure sorrido

Ventuno punti contro i sedici della passata stagione e un meritato settimo posto in coabitazione con Fiorentina e Milan: questo, dopo la quindicesima giornata, il bilancio di un Bologna che contro il Cagliari è stato clamorosamente penalizzato dal fischietto romano Federico La Penna, alla quinta direzione in Serie A. Pareggio giusto per quanto visto sul campo, ma è altresì vero che spesso le partite sono decise dagli episodi, episodi sui quali sia il l’arbitro che gli addetti VAR si sono dimostrati non all’altezza della situazione. Il primo, il più discusso, si è verificato su un’inzuccata da sottomisura di Palacio al 27’, con Ceppitelli che ha sfiorato leggermente il pallone di faccia per poi addomesticarlo di braccio, salvando un gol quasi certo: ok il regolamento, ma da quando è diventato legale salvare un gol con le mani, seppure in modo involontario? Difficile poi commentare l’intervento ai danni di Maietta, che al 61’ si è visto letteralmente sfilare la maglietta da Ionita in piena area sugli sviluppi di un corner. Ebbene sì, non una semplice trattenuta ma un vero e proprio striptease. A nulla sono valse le proteste felsinee, La Penna ha preferito sorvolare e lo stesso hanno fatto i suoi colleghi davanti ai monitor. Eppure sorrido.
Ora, rimango davvero colpito nel leggere di decisioni arbitrali giuste e addirittura di un’espulsione da comminare a Mbaye per una minima reazione ai danni di Joao Pedro dopo essere stato affossato. Ma va bene così, in questo momento c’è solo da essere felici per una posizione di classifica insperata che darà ai ragazzi di Donadoni la possibilità di giocarsi contro il Milan un settimo posto potenzialmente in solitaria. Chi l’avrebbe mai detto dopo quel disastroso 0-3 di metà agosto contro il Cittadella in Coppa Italia? La squadra sta proponendo un buon calcio ma soprattutto sta dimostrando di avere un piglio diverso rispetto agli ultimi due anni. Perché non tentare quindi il colpaccio a San Siro? Settimo posto nonostante La Penna, nonostante non sia stato ancora concesso un penalty ai rossoblù. «Eppure sorrido» direbbe King Ezekiel, personaggio della celebre serie televisiva ‘The Walking Dead’. A maggior ragione dinnanzi ad un Bologna vivo, più vivo che mai.

© Riproduzione Riservata