Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

portogallo campione euro 2016

Portogallo campione d’Europa, Francia sconfitta 1-0 a Saint-Denis

Clamoroso a Saint-Denis, il Portogallo è campione d’Europa! Nella finale dello Stade de France i lusitani hanno sconfitto per 1-0 i favoritissimi padroni di casa al termine di una partita molto combattuta che si è risolta ai supplementari. A rendere ancora più incredibile la vittoria dei ragazzi di Fernando Santos è l’infortunio occorso in avvio a Cristiano Ronaldo, colpito duro al ginocchio sinistro da Payet e costretto ad arrendersi in lacrime al 25’. Nel primo tempo i Bleus hanno sfiorato il vantaggio al 10’ con un colpo di testa di Griezmann smanacciato in corner da Rui Patricio e al 34’ con una sassata di Sissoko deviata in bello stile ancora dal portiere dello Sporting Lisbona, e anche nella ripresa hanno continuato a mantenere le redini del gioco, rendendosi pericolosi al 66’ con un’altra inzuccata di Griezmann di poco alta, al 75’ con un mancino di Giroud troppo centrale e soprattutto al 92’ con un pregevole spunto nello stretto di Gignac concluso da un destro che ha centrato il palo.
Il Portogallo ha però messo in mostra grande compattezza e organizzazione, non disdegnando di ripartire sfruttando la velocità e l’estro dei vari Joao Mario, Renato Sanches, Nani e Quaresma, quest’ultimo autore all’80’ di una bella rovesciata bloccata da Lloris, pochi secondi dopo un pericoloso tiro-cross di Nani che aveva trovato sempre i guantoni dell’estremo difensore francese. Nei supplementari i transalpini hanno iniziato a mostrare qualche cenno di stanchezza per lo sforzo prodotto, e i lusitani sono riusciti ad approfittarne con prontezza e cinismo: al 104’ incornata del roccioso centravanti Eder, entrato in campo al 79’, controllata da Lloris, al 108’ clamorosa traversa di Raphael Guerreiro su punizione e al 109’ la rete decisiva proprio di Eder, con una rasoiata dalla distanza che si è insaccata nell’angolino. Inutile l’assalto finale degli uomini di Deschamps, che hanno dovuto arrendersi e dire addio ai sogni di gloria nella disperazione generale.
Più volte il Portogallo è andato ad un passo da un trionfo importante: la versione 2016 non è certo la migliore della sua storia, ma va a riprendersi ciò che gli era sfuggito in passato con rose qualitativamente migliori. Una grande vittoria di cuore e di squadra che fa aumentare il rimpianto per l’eliminazione dell’Italia di Conte, la più squadra in assoluto. Onore a Cristiano Ronaldo, uomo e campione vero, e onore al gigante Eder, uno che in carriera ha segnato pochissimo ma che si è tolto lo sfizio di decidere la finale di un Europeo con un gol splendido, da centravanti vero, in una Nazionale che di numeri 9 eccelsi non ne ha mai avuti (escludendo la leggenda Eusebio). Per la Francia, invece, una delusione a dir poco enorme, una ferita destinata a sanguinare per parecchio tempo.

PORTOGALLO (4-1-3-2): R. Patricio; Cedric, Pepe, J. Fonte, R. Guerreiro; W. Carvalho; R. Sanches (34’ st Eder), A. Silva (21’ st J. Moutinho), J. Mario; Nani, C. Ronaldo (25’ pt Quaresma).
A disp.: Lopes, Eduardo, B. Alves, R. Carvalho, Vierinha, Eliseu, A. Gomes, D. Pereira, R. Silva.
All.: F. Santos

FRANCIA (4-2-3-1): Lloris; Sagna, Koscielny, Umtiti, Evra; Pogba, Matuidi; Sissoko (5’ sts Martial), Griezmann, Payet (13’ st Coman); Giroud (33’ st Gignac).
A disp.: Mandanda, Costil, Cabaye, Jallet, Rami, Digne, Mangala, Kanté, Schneiderlin.
All.: Deschamps

Arbitro: Clattenburg (Inghilterra)
Ammoniti: 34’ pt Cedric (P), 17’ st J. Mario, 35’ st Umtiti (F), 7’ pts Matuidi (F), 8’ pts W. Carvalho, (P), 2’ sts Koscielny (F), 5’ sts R. Guerreiro (P), 10’ sts Pogba (F), 14’ sts J. Fonte (P), 18’ sts R. Patricio (P)
Marcatori: 4’ sts Eder (P)
Recupero: 4’ pt, 4’ st, 0’ pts, 3’ sts

© Riproduzione Riservata