Fenucci:

Fenucci: “Donadoni confermato, nessuna punizione alla squadra. Siamo tutti responsabili ma quattro sconfitte non cambiano il progetto”

Momento molto difficile e delicato in casa Bologna, dopo l’ennesima sconfitta casalinga e la protesta della Curva Andrea Costa, che diserterà la trasferta di domenica prossima a Reggio Emilia. Per fare il punto della situazione, fornire qualche chiarimento e provare a calmare le acque, l’amministratore delegato rossoblù Claudio Fenucci ha rilasciato alcune dichiarazioni.

Avanti con Donadoni – «Roberto è confermato, sia per il finale di questa stagione che per la prossima, l’allenatore del progetto è lui, come ribadito da Saputo prima di ripartire. Non sono quattro sconfitte casalinghe a far cambiare il progetto, il nostro è un orizzonte diverso. Avevamo programmato tre obiettivi, siamo in linea per raggiungere il primo, il più importante, che è la permanenza in A. Per gli altri due vedremo a fine stagione, ma chi è nel calcio da tanti anni sa che la programmazione prevede che ci possano essere momenti di calo».

Un primo bilancio dopo tre anni – «Il progetto ha un ciclo che fin dall’inizio era programmato per completarsi nel 2018, sarà quello il momento di tirare i bilanci, anche se è chiaro che a fine stagione faremo le opportune valutazioni sui giocatori con lo staff tecnico e il direttore sportivo. Non dobbiamo farci prendere dal nervosismo, è chiaro che in questo momento ci sono problemi a livello di prestazioni, ma non di impegno».

Curva Andrea Costa assente a Reggio Emilia – «È una protesta civile, comprendiamo la delusione e neppure noi siamo contenti, sta proprio a noi riconquistarci il loro tifo. Se è una critica anche alla società? Quando le cose vanno male, siamo tutti responsabili, dirigenti compresi. Il Bologna è un’entità unica, anche noi abbiamo le nostre responsabilità ma lavoriamo per uscire da questo momento, causato anche da un calendario particolarmente sfavorevole. Le botte contro il Napoli e il Milan possono aver minato determinate certezze, soprattutto quelle dei giovani, ma anche queste sono esperienze che serviranno per crescere. Lo so perché io ci sono già passato a Roma quando prendemmo sette gol dal Bayern Monaco, ci volle tempo per ritrovare fiducia».

Saputo amareggiato – «L’ho sentito, ovviamente non era felice, anche perché pure gli Impact hanno perso, ma sapeva che la Lazio era un’avversaria difficile, l’aveva vista all’opera nel derby di Coppa Italia».

Troppe figuracce sul campo, progetto offuscato – «Mi sembra quasi che si stia parlando di un Bologna che rischia di retrocedere, quando non è così. Il bilancio si fa a fine stagione, Saputo ha investito tanto, sono serviti 40 milioni soltanto per pagare i debiti».

Eventuali provvedimenti verso la squadra – «Nessun ritiro, non è necessario, né punizioni. Sarebbero giustificate se il problema fosse l’impegno dei giocatori, ma non è questo il caso».

Tavecchio rieletto a capo della FIGC – «Per il Bologna non cambia molto, il vero rinnovamento si gioca in Lega, in particolare sul cambio dello statuto. Tavecchio ha fatto cose positive per i club sul fair play finanziario e sulle rose, e ha un manager come Michele Uva che è uno dei più preparati, la sua rielezione dà continuità ma la partita più importante si gioca in Lega».

122 Responses

  1. Riccardo

    Ok dopo questa intervista mollo davvero, che vadano tutti a quel paese. Seguo solo la mia amata Virtus che avrá ancora una stagione lunga, ovviamente si spera di andare piu avanti possibie con i PO

  2. marcello65

    «Mi sembra quasi che si stia parlando di un Bologna che rischia di retrocedere, quando non è così».

    Non è così solo perché per un caso irripetibile anziché no quest’anno ci sono tre squadre cesso mai viste. Poi ci siamo noi.
    E comunque Fenucci a 28 punti non si è mai salvato nessuno, quindi io direi alla squadra di iniziare a correre sul serio invece di fornire loro alibi

    1. Roberto 91

      A 28 punti non si è salvi neppure quest’anno.
      Nelle altre città, anche quando le squadre vanno bene, si dice “fino a che non arriviamo a 40 punti, non siamo salvi.”.
      Noi invece siamo quei fenomeni che dicono di essere già salvi a dicembre.
      Io mi sarei aspettato che dicesse “l’obiettivo minimo, quello della salvezza, non è affatto raggiunto, quindi fuori gli attributi!”.
      Invece di spronare la squadra, sembra più preoccupato di giustificare la bontà del suo operato davanti alla proprietà.

  3. Allora se è confermato digli che mi sono rotto il T.K
    Di vedere dei tristi in campo!
    Coi CREATIVI io ho già dato!!!!!

    Antonio
    M’Baiye Mimmo Marios Masina( e se non corre l’altro Ectoplasma Greco che almeno a Sx
    Va meglio!)
    Taider Nagy Blerim ( Godfred ha la Pubalgia ?)
    Lada Mattia e Simone!,,,,,

    Forza Bologna!
    Eh Basta!

  4. Leo: Los Angeles

    Fenucci e’ un po’ l antitesi della figura che vorrei vedere in una posizione di questo tipo. Sono certo che esistono tifosi che la vedono esattamente al contrario.
    Poi aggiungiamo che e’ un uomo di fiducia di Saputo, quindi sembra irriconoscente non fidarsi di lui.
    Ma se la vita fosse tutta belle parole razionali e diplomatiche !
    Dagli altre due sconfitte a Donadoni, poi vedi quante altre ne fa.
    a me cmq mancano sia Tacopina che Longo. Ognuno col proprio specifico talento.
    Ma siccome non sono nostalgico, avanti tutta! (non si sa bene verso cosa)

  5. leonardolg93

    Anche questo dopo ogni intervista uno si domanda che droghe assume….ci sarebbe da preoccuparsi se fossimo da retrocessione, peccato che è da 26 anni che non facciamo cosi vomitare in serie A….i ragazzi s impegnano non servono provvedimenti, mazza fortuna che s impegnano perché mia nonna in carrozzina va il doppio di sti fenomeni

  6. wooden.star

    Scusate, fatemi capire.
    Donadoni giovedì dice che è deluso per lo scarso impegno dei giocatori in allenamento.
    I giocatori lo ripagano mettendoci scarso impegno pure in campo. Si arriva addirittura alla contestazione.
    Fenucci dice che i giocatori si impegnano, su questo non si discute.
    Fenucci conferma Donadoni per due anni.
    C’è qualcosa che stride in tutto questo?

    1. DanyX

      Per quanto riguarda l’impegno, Fenucci ha solo ripetuto quello che ha detto Donadoni nella conferenza a fine partita.
      Donadoni stesso ha detto che l’impegno domenica c’è stato e non si discute….. poi dove l’abbia visto non lo so, ma l’ha detto

    2. felsina

      Qui forse si trascura il fatto che la società (SAPUTO),considerando che anche quest’anno è impossibile retrocedere ,continuerà con questo allenatore fino al termine del campionato sprecando aggettivi e fiducia a favore del medesimo e i suoi ragazzi, poi a boccia ferma, andiamo a vedere!

  7. ale 1969

    Per i non leggenti…. non è Fenucci che conferma Donadoni, è Saputo che ha confermato Donadoni , anche per l’anno prossimo.

    Io non lo confermerei ma visto che i soldi sono i suoi fa quel che gli pare: se avrà avuto ragione lui, bene, vedrò un buon Bologna, se avrò avuto ragione io non ci perderò un euro mentre Saputo ci sgurerà dei bei quattrini, quindi sono tranquillissimo.

    1. wooden.star

      Ok. Precisazione accolta. Fenucci ribadisce che Donadoni è confermato a prescindere da Saputo fino al 2018. A questo punto mettiamoci l’animo in pace (quelli non tranquillissimi) e vediamo che succede.

      1. ale 1969

        Scusa la precisazione ma visto che ci sono alcuni utenti che pensano che Fenucci abbia i poteri di Darth Vader e abbia licenziato Corvino, comprato lui i giocatori, raggirato Saputo, ecc ecc giova sottolineare quando è evidente che certe decisioni vengono prese dal Boss in persona che le avvalla rischiando i suoi soldi, non i miei né quelli di nessun altro.

    2. zvs

      Precisazione per i non udenti: Saputo è contento di avere Donadoni come allenatore, ma lui non interferirà mai nelle scelte tecniche, non essendo uomo di calcio, ma di affari, e avendo qua propri uomini di sua fiducia. Se colleghi questa dichiarazione a quella resa in occasione dell’affare Corvino, in cui specificò che il portavoce e rappresentante della proprietà era l’amministratore delegato Claudio Fenucci puoi facilmente e senza tema di smentite dedurre che chi decide qua sia il suddetto Fenucci.
      Altrimenti dovresti sostenere che Saputo sia un quaquaraquà.
      Mi sorge il dubbio che il tuo apostolato verso Fenucci travalichi e prevalga su quello verso Joey ??
      Attento Alto Passero: potresti ritrovarti senza divinità.

  8. Mario Fabbrini

    Dan Peterson avrebbe detto….Fenucci !Hai perso una buona occasione x stare zitto !Non ha detto niente ,scuse puerili …ilò calendario difficile ,anche la Lazio è forte ,la squadra s’impegna ,e Dona aveva appena detto il contrario e noi siamo tutti ciechi .Il progetto è fermo , ha rischiato di saltare ,con Taco che molla ,e viene pagato ,Corvino che molla ,o viene mollato ,pagato anche lui ,soldi spesi ,troppi e strani…Rizzo 6 !Valore attuale ?Falco da Lecce…Mbaye 3 ,Donsah 3 e non gioca mai .Xchè è stato venduto Diawara ?Forse il Boss ha detto …o rientro delle maramaldate subite o vi mando aff…ma non posso xchè ne ho spesi troppi .Comprensibile ,ma si stanno nascondendo dietro un dito .Ora le prossime due sono partite abbordabili ,speriamo da qua alla fine di vincerne un paio e pareggiarne due o tre ,turiamoci il naso e speriamo che l’estate porti cambiamenti strutturali importanti .

    1. Faber60_again

      Non lo diceva Peterson, ma l’avvocato Porelli e Dan lo ricordava spesso.

  9. lucant

    Caro Fenucci questa è una squadra che cammina e si limita a svolgere solo il compitino,senza mai osare!!! Questo è quello che si imputa al “tristo” Donadoni.

  10. Ladri bianconeri

    Fenucci basta sparare cagate e banalità. Avete creato una squadra penosa e Donadoni sta facendo scelte sbagliate e non ha il controllo di nulla.

  11. zvs

    Fenucci non si smentisce mai: è un prete laico, abile nello scansare il pericolo, maestro del depistaggio, artista della mistificazione.
    In questa intervista inventa un contesto inesistente, focalizzando l’attenzione sulle 4 sconfitte piuttosto che sul rendimento globale della gestione tecnica di Donadoni, ingigantendo, pur senza approfondirlo, il primo e unico obiettivo realizzabile e glissando sui due falliti.
    Sarà un ottimo contabile, ma quando esce dal suo specifico è personaggio imbarazzante.

    1. MarkusB

      So bene che Fenux è antipatico ed è divertente dargli addosso, ma cos’altro doveva (o poteva) dire? Cos’è che ha detto di “imbarazzante”?

      1. “Mi sembra quasi che si stia parlando di un Bologna che rischia di retrocedere, quando non è così”
        Non riesco nemmeno a commentare,”imbarazzante” è un complimento per tale personaggio
        Ricordiamo al genio dei conti Fenucci che il Bologna Football Club 1909 spende 32 milioni lordi per stipendiare i propri calciatori,giustificare queste prestazioni e questi risultati è scandaloso

        1. MarkusB

          Ripeto: cosa doveva dire? Lo chiedo per curiosità perchè non lo so, non è che voglio difenderlo per forza. Magari “che schifo di squadra, andassero a lavorare tutti, e poi l’allenatore non ne piglia una che una, e poi abbiamo proprio fatto delle cappelle immense sul mercato, eh qua siamo proprio tutti da licenziare, mi raccomando scrivete tutto in stampatello domani sui giornali, che se non cambia qualcosa entro domenica cadranno delle teste”. Poteva dirlo? Sarebbe servito a qualcosa? Che cosa avrebbe dovuto dire per non essere ‘imbarazzante’?

          1. Credo semplicemente che quando si ha un progetto serio, si è persone serie, si è persone competenti si possa parlare in maniera chiara dei problemi attuali di gioco,classifica e valorizzazione rosa..Da tifoso mi aspetto analisi serie da parte dei dirigenti e non scuse o frasi fatte.
            Il calcio è crudele,chi vince ha delle iene in dirigenza non dimentichiamolo.Ranieri non è stato esonerato stappando champagne immagino……………………………..

          2. lucianodezanet

            Poteva benissimo dire che la squadra sta rendendo molto al di sotto delle aspettative e che si deve cambiare atteggiamento soprattutto per rispetto dei tifosi che hanno fatto ľabbonamento e che da qui in avanti sono tutti sotto osservazione non solo i giocatori e anche Saputo forse poteva far a meno di confermare Donadoni anche per ľanno prossimo o addirittura parlare di prolungamento del contratto,lui paga e lui ha ragione ma anche i tifosi hanno le loro buone ragioni di essere delusi,in quanto all.’impegno dei giocatori c’è da discutere a me non sembra che tutti sputino ľanima in campo.

  12. Rossobluavita

    Ma smettiamola ,in questo sito,una volta per tutte di giocare a fare i piccoli allenatori . Donadoni avrà certamente qualche colpa ma è ridicolo ,dopo ogni partita che ci siano tifosi che avrebbero sicuramente fatto meglio.
    Fateci caso,dopo ogni sconfitta i migliori sono quelli che stavano in panca e che avrebbero potuto giocare..
    Non parliamo poi di moduli e tattiche…dove sono finiti quelli che invocavano la difesa a tre?
    La verità è che Donadoni contro certe accuse non si può difendere ,perchè non può dire di avere alcuni giocatori non all altezza .
    Mica è un caso che i punti li abbiamo fatti contro organici di basso livello?Che c entra Donadoni se (considerati anche gli infortuni subiti da Verdi eDestro)abbiamo un attacco tra i peggiori di tutta la serieA?E che dire della difesa baby dopo anche l infortunio di Gastaldello.
    Dice Donadoni, l impegno c è ma mancano le prestazioni.Queste parole dovrebbero farci riflettere.
    La partita di domenica sera con la Lazio sembrava quella tra una squadra di A ed un altra di B… Più ovvio perdere che pareggiare.
    Che c entra Donadoni? La società questo lo sa bene ed infatti gli obiettivi richiesti sono noti.
    C è chi continua a dire che in fondo rispetto allo scorso anno ci mancano solo Giaccherini e Diawara…ecc
    Ogni campionato fa storia a se.
    In questo campionato(per fortuna direi) ci sono squadre molto più deboli (ed infatti stanno sotto)ma anche un folto gruppo ,con organici più forti.
    Ora qualcuno ,dirà che Cagliari,Chievo ad es. sono del nostro livello ecc ecc. Forse ,ma c è da considerare che in un intero campionato se non sei veramente di una spanna superiore può capitarti una serie di fattori (come a noi in queste ultime partite)che ti fanno entrare in un vortice negativo. La palla scotta tra i piedi e per un allenatore uscirne non è facile.Contro la Lazio ,bastava osservare la faccia di Masina..per capirlo.
    Tutto sommato, a noi in classifica mancherebbero quei 5-6 punti che vogliono dire 2 vittorie in più e due sconfitte in meno.Guardandosi indietro non mi sembra che non poteva avvenire..
    E certamente adesso ,anche la decisione(che pur comprendo) dei tifosi di abbandonare la squadra, non aiuta di certo ,anzi visto la giovane età di molti nostri giocatori può risultare deleteria!
    Speriamo bene,e soprattutto fidiamo della pazienza di San Saputo!

    1. zvs

      ragionamento che non regge: se sei il decimo monte ingaggi e occupi il sedicesimo posto in classifica o sbaglia l’allenatore o ha sbagliato l’amministratore delegato. Punto.
      Fingere che sia solo casualità o sfortuna è puerile.

      1. husky 56

        Non sono molto in sintonia con il tuo pensiero… A parte che il maggiore responsabile assieme all’allenatore, a mio parere, dovrebbe essere il DS, stiamo parlando di differenze minime tra il monte ingaggi …. dal BFC che ha un monte ingaggi di 16 mln di Euro al sassuolo e all’udinese il genoa (vale a dire i ns. competitors) ci sono 2 mln di Euro (per il mondo del calcio è una differenza minima). Quindi punto più, punto meno siamo in linea…
        Il malessre che noi proviamo è determinato dalla diffferenza tra le aspettative generate nel ns. immaginario collettivo, aspettative generate dall’acquisto del BFC da parte di un uomo molto facoltoso, con il rendimento attuale della squadra. Ma se ci pensi bene, se questa performance l’avesse fatta il BFC, non dico quello delle cordate ma anche quello di Gazzoni non ci saremmo certo scandalizzati…
        Avremmo detto è un anno di transizione….
        Ma questa società non ha mai parlato di grandi traguardi subito ma di posizionarci in zone di classifica tranquille. Ed anche qui ci siamo,
        Donadoni qui a Bologna ha avuto un andamento altanelante è vero.. Ma nelle ultime dieci partite di campionato dove ha affrontato Juve Crotone, Cagliari Samp e Genoa fuori ed in casa Torino, Napoli Milan Inter Lazio ha comunque fatto 8 punti in 10 partite. Quindi nulla di scandaloso.
        Poi, se pensavamo di poter essere competitivi per l’europa… be ci siamo sbagliati.
        La ns. è una città strana… Si esalta per le due squadre di basket che militano in serie cadetta e che con buona probabilità vi militeranno anche per l’ anno prossimo… mentre si fischia una squadra che tutto sommato sta velleggiando, nella massima serie, coerentemete con le previsioni….

        1. zvs

          Circa la responsabilità del DS siamo, in linea di principio, d’accordo: il DS in quanto responsabile della scelte, ma, nel BFC del dopo Pantaleo, chi sceglie ?
          Io credo che, se quello fu un.punto di contrasto tra l’ex DS e l’AD, Bigon abbia rappresentato una scelta coerente con la vittoria di Fenucci.
          Circa le aspettative il richiamo al monte ingaggi rappresenta una semplificazione per fissare qualche paletto: noi spendiamo come qualche altra squadra, ma esprimiamo una cifra tecnica nettamente inferiore a quella di quelle squadre.
          Al di là dei risultati è importante come arrivi a quei risultati: noi diamo l’impressione di arrivarci casualmente. E forse non è solo un’impressione: da quanto tempo non facciamo gol su azione? Quanti gol in fotocopia abbiamo preso? La ripetitività degli errori esprime una carenza. Non è tutto, né solo, mentalità o convinzione: qui ci sono giocatori disposti ad minchiam, schemi tattici riproposti anche se dimostratosi infruttuosi.
          Qui c’è soprattutto un generalizzato scarico delle responsabilità, e quindi una gestione carente.
          Non è questione, almeno per me, di aspettative esagerate: qui manca un’organizzazione tecnico/tattica, da cui arrivano i gol alla fine, i rossi pur avendo pochissimi gialli, i gol in contropiede in.doppia superiorità numerica.
          Ma ci rendiamo conto che Viviani gioca per la speranza che la metta su punizione ?
          Ci rendiamo conto che prendiamo gol dopo ogni cambio?
          Che non c’è mai.un cambio per fare un.gioco diverso?
          Qui si raggiunge il 33% degli obiettivi e si parla di valutare i giocatori, non chi li ha scelti, non chi li allena. Qui si parla di fare il bilancio nel 2018: speriamo che ci siano altre squadre materasso, perché altrimenti il.bilancio potrebbe riservare amare sorprese

    2. marcello65

      Hai in parte ragione, ma se Donadoni non c’entra allora a che serve l’allenatore?
      Anche l’anno scorso dicevamo la stessa cosa di Delio Rossi, poi l’hanno esonerato e Donadoni ha cambiato la squadra in una sola partita.
      I giocatori sono impauriti, è vero, ma mi sembrano anche bolliti fisicamente, non arrivano mai primi sul pallone, non pressano, corrono al rallentatore.
      Le dichiarazioni di Fenucci sono rivolte ai giocatori: “vedete di impegnarvi perché Donadoni ce l’avrete anche il prossimo anno”, ma aspettiamo le prossime due partite e vediamo, perché se le perdiamo…

    3. Roberto 91

      Vero, Donadoni ha giocatori mediocri e soprattutto no ha l’attacco.
      Se il monte ingaggi è ato, più alto del valore deigiocatori, la colpa non è dell’allenatore, ma della dirigenza.
      Il problema principale è che tutti i giocatori rosa sostanzialmente si equivalgono, e ne abbiamo pochissimi che spiccano.
      Questo si vede soprattutto a centrocampo, dove non si trova mai il terzetto titolare perché chiunque metti, non hai dei grandi risultati.
      Poi, è vero pure che si rimpiangono sempre quelli fuori.
      Tanto è vero che il più rimpianto è Donsah, che non gioca mai.
      Ma se stesse fuori Dzemail e perdessimo, apriti cielo…
      Però ho letto anche che Pulgar deve giocare, o Nagy, o Taider…
      A volte poi giocano quelli che ci piacciono di meno (Rizzo e Viviani) e sacramentiamo.
      Però senza Viviani (che a me non piace, e che non è in grado di fare il regista in serie A) forse avremmo perso anche a Genova.
      L’allenatore sembra (ma probabilmente lo è ) in confusione perché comunque faccia, non funziona.
      Ma questo accadeva anche a Pioli nel suo ultimo anno.
      Si invoca la difesa a tre, ma quando c’è non va bene.
      La coperta è corta, c’è poco da fare.
      Detto questo, non credo che Donadoni sia l’allenatore adatto al progetto del Bologna: lui è selezionatore che allenatore, non è evidentemente nella sua vocazione fare crescere i giovani. Non è quello che tira due urli quando serve.
      Ci vorrebbe un Ulivieri con trent’anni dimeno.

    4. MarkusB

      Ti rispondo solo sulla difesa a tre: io sarei ancora curioso di vederla, magari (1) mettendo gente che l’ha già fatta per un intero campionato (tipo M’Baye), (2) disegnandole davanti un centrocampo ed un attacco che abbiano un senso in relazione ai 3/5 dietro, e (3) evitando di farla per la prima volta contro uno dei 4-3-3 più veloci a ribaltare l’azione nel campionato (diciamo che difendere a 3 contro 3 punte è la situazione più difficile da leggere in assoluto per questo modulo, magari se lo facevi per la prima volta col Genoa derelitto finiva diversamente).

  13. Fra1981

    Nel calcio quando si ha a che fare con situazioni del genere si hanno 2 possibilità: cambiare l’allenatore o cambiare i giocatori.
    Generalmente si opta per la prima perché più facile e rapida.
    Qui, con la conferma di donadoni, si opta forse per la seconda.
    Cosa attuabile solo alla riapertura del mercato ovviamente.
    Vedremo se la prossima estate arriveranno 6-8 titolari per uscire veramente da questa ‘mediocrità scarsa’. Sperando poi che prendano i giocatori che richiede donadoni, cosa che per il momento non hanno ancora mai fatto…
    Un’altra ‘speranza’ dal punto di vista del mercato è il discorso stadio. Se, come sembra, il progetto ha preso davvero il via, magari Saputo sarà più disponibile ad immettere liquidità per rendere più competitiva la rosa…

    1. marcello65

      Non credere sai, i giocatori li cambi solo coi soldi che verranno dalle vendite di quelli che possono avere mercato: Verdi (che a novembre valeva 10 milioni e ora meno della metà) e Destro, se ci fosse un cinese in coma interessato

  14. adelmoparis

    “….come Saputo ha ribadito…”. Non si muove foglia che Dio non voglia o, meglio, vuolsi così colà dove si puote ciò che si vuole…
    2 maggio 2015: il Bologna viene sconfitto dal Frosinone, fuori dallo stadio ciociaro Saputo, Corvino, Fenucci e Di Vaio vengono spiati discutere animatamente, il 4 maggio successivo Diego Lopez viene esonerato.
    27 ottobre 2015: Bologna 0 – Inter 1, Saputo è appena arrivato a Bologna con una valigetta contenente una trentina di milioni per un aumento di capitale. Il 28 ottobre successivo Delio Rossi viene esonerato.
    …e più non dimandare

    1. adelmoparis

      Donadoni non si potrà definire tetragono, ma è concesso l’aggettivo piramidale, inamovibile come le piramidi di Giza

    2. ale 1969

      Cosa dici mai? È Fenucci che si occupa di tutto! Mi ricordo discussioni interminabili con chi si intestardiva a dire che essendo AD aveva potere, potere illimitatoooo

      1. adelmoparis

        Cosa dici mai? É Saputo che comanda su tutto! Mi ricordo discussione interminabili con chi si intestardiva a dire che essendo AD aveva potere illimitatoooo
        😉

  15. 2Torri

    Fatemi capire, questo è lo stesso forum dove qualche mese fa dissi che, magari, questa estate sarebbe arrivato Sabatini e quasi tutti mi avete detto che era molto meglio che restasse Bigon?

    Come cambiano le cose…

    1. MarkusB

      Se gli dai il budget faraonico di ZERO euro affidato a Bigon, direi che puoi chiamare anche Chuck Norris ma un gran mercato non te lo tira fuori…

    2. ale 1969

      Fai due chiacchiere con i tifosi della Maggica e poi ascolta cosa ti dicono di Sabatini. Uno mi ha detto l’altro ieri “Magari! Così ci prendiamo Bigon noi!”

  16. PoloniaRossoblu

    Fenucci e’ la faccia politica del BFC. E’ ovvio che non accende il cuore.
    C’e’ da dire che hanno ribadito in piu’ occasioni che i primi 3 anni c’e’ da soffrire e avere pazienza. Non so’ perche’, secondo quali calcoli. Ma questa intervista lo conferma. Mi piace moltissimo il fatto che BFC si muove dal punto di vista politico, sia con la giunta cittadina che in Lega. Questo vuole dire creare una forza a tutti i livelli, come fanno club che contano! Non e’ mai successo prima!
    Tacopina era un uomo-immagine, Fenucci e’ uno tesse la tela. Noi bolognesi, che siamo in realta’ sanguigni emiliani, gente della nebbia e della campagna, in realta’ non amiamo i politici. Ma al BFC servono anche persone come Fenucci.

    1. fedullo

      I calcoli a cui fai riferimento sono relativi al progetto stadio. Si chiama patrimonializzazione, cioè quel fattore che permette di generare ricavi e sostenere l’indebitamento che generano le campagne acquisti. Faccio sempre l’esempio di Milan e Inter, entrambe gravate da centinaia di milioni di debiti ma con un fatturato derivante da diritti tv e merchandising che permette loro di spendere comunque ogni estate centinaia di milioni per la campagna acquisti. Evidente come diritti tv e merchandising del Bologna non siano nemmeno lontanamente paragonabili a quelli delle due milanesi, di qui la scelta di investire sullo stadio per aumentare il fatturato.

    1. Fra1981

      Manda il tuo curriculum e proponiti al posto di fenucci o bigon (oppure di entrambi).
      Oppure vai su google, digita ‘forum Juventus’ e scegli quello che più ti aggrada.
      Lì trovi una società seria.

    2. husky 56

      Scusa luca ma se non battete in casa nemmeno il Vicenza… come fate a salvarvi?

    1. ale 1969

      Dici Saputo immagino, visto che Fenucci ha solo riportato il pensiero del suo datore di lavoro

    2. cerchiobis

      secondo me hai appena rivisto TODO MODO,Mastroianni ha qualcosa che icorda:)

  17. cerchiobis

    almeno non ha detto che se noi avevamo edwige fenech stracoscia invece dei nostri due portieroni avevamo 6 punti in meno come minimo

  18. Woody

    Parlo con il cuore di un tifoso ferito. Ferisce di più l’atteggiamento del dirigente suddetto che lo spettacolo penoso della squadra in campo.
    Ci manca solo la beffa finale di una improbabile retrocessione e siamo a posto!!!!
    Vorrei potere urlare grazie Saputo!!!
    Ma dopo certe parole come si fa?
    Grazie al mio amico zvs che ha sempre un’idea chiara della situazione.

  19. franco

    Allora, il Bologna quest’anno ( il campionato non è ancora finito) ha battuto diversi record negativi. Dunque ha perso in casa sette a uno, mai nella sua storia ultracentenaria era mai successo, ha perso, sempre in casa quando era in vantaggio di due uomini, non apro l’almanacco del calcio ma credo che ciò non sia mai avvenuto, e questi sono due episodi che rimaranno nella storia calcistica del glorioso (una volta) club. Un altro primato, che non è proprio primato ma ci va molto vicino è quello dei gol segnati : solo 24, ma qui dovremmo stare sul sicuro perchè l’Empoli è a quota 15 e con l’attacco stitico (anche il nostro comunque non scherza),difficilmente ci raggiungerà, speriamo in ogni modo di difenderci dal Crotone (21 reti segnate) e dal Palermo (23) che ci sono vicini, mentre dovremo dire addio al Pescara(28) che con Zeman si allontanerà da noi (di reti segnate si intende, altro discorso la retrocessione). Anche le reti subite sono numerose, ma qui siamo in media con diverse squadre, anche se queste hanno segnato molto di più di noi, come si dice: è la somma che fa il totale. Ho fatto queste elucubrazioni solamente per dire che Fenucci confermando già per il prossimo anno Donadoni gioca con il fuoco, e con il fuoco se non stai attento ci si può bruciare. In ogni modo anche se si conferma il mister (anche lui colpevole per questo tragicomico campionato), si dovranno cambiare almeno sei-sette titolari (cambi di qualità), perchè mantenendo questo organico o mettendoci solamente delle “toppe”, il prossimo anno si va giù a piombo, perchè molto, molto difficilmente ci saranno ancora tre squadre votate al martirio….

    1. husky 56

      Scusa ma la classifica si stila in ragione dei goal segnati o dei punti conquistati? .. Bologna 28 Empoli 22, palermo 15 crotone 14…

      1. franco

        Sui punti conquistati, questo non ci piove! Ho solo affermato e penso che non possa io esere minimamente smentito che in questo campionato il Bologna sta deludendo tutti i suoi tifosi, a prova di ciò oltre le incolori prestazioni della squadra ho portato in prova anche i gol segnati. I gol segnati sono una cosa positiva (basta naturalemente poi prenderne pochi), devo dire che in questo senso, anzi in tutti i sensi quest’anno il Bologna è largamente deficitario.

    2. Roberto 91

      Donadoni ha il contratto anche per l’anno prossimo.
      Anche se intendessero cambiarlo, adesso non lo direbbero mai.
      Sarebbero dei folli a farlo, delegittimandolo completamente.
      Quindi, o lo esonerano (cosa che adesso non ha senso) oppure dicono che è confermato anche per l’anno prossimo.

  20. acero rossoblu

    si legge conferma x il mister…ma se le cose rotolano all’indietro,sarà cambio in panchina…ovvio! tutti dobbiamo augurarci che le cose migliorino…non dimentichiamo i torti arbitrali subiti…i guai fisici di destro e verdi…gli errori di Donadoni,il primo ed in primis è quello di sentirsi superiore al mondo,vieni giù dalla pianta e parla col popolo rossoblù,hà creato + dubbi che coesione…tuttavia spero che almeno si finisca in crescendo…forza BFC

  21. Vecchio gufo

    Io credo che siano parole di circostanza. Mio umile parere donadoni non rimarrà, nessuno è contento di come stanno andando le cose e saputo è incavolato come una pantera…
    Forza bologna sempre!

    1. ale 1969

      Io lo spero perché Donadoni sta togliendo oggi alla squadra, non aggiungendo, ma non lo credo.

  22. mattia96

    Spero che stia scherzando. Ma se n’è accorto che non si parla di 4 sconfitte consecutive in casa, ma di un rendimento generale ridicolo? Non se n’è accorto che Donadoni non ne ha un’idea? E non ha la scusante di essere arrivato a campionato in corso, ha fatto lui tutto il ritiro, con la squadra quasi al completo.
    Proprio questo non mi piace, che sembra non ci vogliano dire tutta la veritá… E se veramente é tutto qui, siamo una barzelletta.

  23. ale 1969

    Scenario A

    Saputo: “Squadra indecente! Acquisti sbagliati! Vi licenzio tutti!”

    Fenucci (facendo strani gesti ipnotizzanti con le mani): “Sor Saputo, se calmi, avevamo da incontra’ quattro squadre toste e nun ce l’avemo fatta. Eppoi è colpa de quell’infame de Corvino, è sempre colpa sua. Mo’ dico du paroline io ai tifosi che se calmano, vedrà. Nun per niente m’hai dato er potere assoluto sur Bologna! Se fidi!”

    Scenario B

    Fenucci: “Mr. president, sorry to disturb you ma la piazza è un po’ turbata dalle recenti sconfitte.”
    Saputo: “Ma non gli avevo detto di stare calmi che ci voleva tempo? Dispiace anche me ma non si può cambiare per il gusto di cambiare. E Donadoni lo ho scelto io e ci credo e ha un contratto fino all’anno prossimo. Claudio vai tu a dire due cose e cerca di chiarirgli questi concetti.”

    Allora, se immaginate lo scenario A invece che il B o avete visto troppi Cazzenger o avete mangiato troppo pesante ieri sera a cena ed avete gli incubi o leggete troppo la stampa sportiva bolognese.

  24. cerchiobis

    i veri problemi sono altri:
    presto leggerete dal vate che se comprvanop come da lui suggerito Biabiany avevamo 10 punti in oiù

      1. cerchiobis

        i famosi “rusty players” appena fanno due partite di seguito,avendo perso l’abitudine,si incriccano:))
        come nei sepolcri di Foscolo vivono solo perchè continuamente evocati

  25. dalfiume

    Condivido quasi tutto.Quasi:il Bologna attuale non è ancora assolutamente in linea per la salvezza.
    Vero che i consuntivi si fanno a fine stagione,ma il tempo è tiranno,dottor Fenucci ed urge un pronto risveglio primaverile!!!

  26. antoniopadova

    Fenucci a sentirlo sembra che tutto vada quasi bene, che la squadra giochi un buon calcio etc. Saputo ha confermento lui Donadoni ,ma va bene cosi’ ? perche’ non lo porta al Montreal Impact. Qui a decidere tutto è Fenucci del quale Saputo si fida. Non so piu’ cosa dire 5 sconfitte nelle ultime 6 partite e tutto va bene ?

  27. Roberto 91

    Di queste quattro sconfitte, che ci stavano, il problema è il “come”.
    La più allucinante rimane quella col Milan, in 11 contro 9 senza essere mai pericolosi, senza avere la minima idea di come sfruttare la superiorità numerica, correndo diverse volte il rischio di prendere gol, prima di prenderlo davvero.

    1. MarkusB

      Ecco cosa mi ricordo io di quella sera:

      Squadra: “Mister, siamo in 11 contro 10! Non ci è mai capitato! Cosa dobbiamo fare”?
      Dona: “Beh intanto togliamo subito un centrale, così continuate a sbarellare dietro- non sia mai che acquistiate un pochino di sicurezza. Mettiamo invece questo coso, qui, questo Petkovic che non ha mai giocato in A, e mettiamolo come seconda punta”.
      Squadra: “Seconda punta? Difesa a tre? Ma non l’abbiamo mai fatto!”
      Dona: “Vabè chissenefrega, cercate di fare tutto bene, se poi non ci riuscite diremo ‘dovevamo essere più bravi'”.

      Squadra: “Mister, siamo in 11 contro 9! Oddio oddio, qui bisogna vincere per forza, ma davanti siamo in 4 in tre metri quadrati e non si passa! Che facciamo?”
      Dona: “Giusto, dovete vincerla per forza, sennò dirò ‘non siamo stati bravi'”
      Squadra: “E quindi?”
      Dona: “Hm? Dite a me? Ah, sì, beh… Vediamo… Ecco, entra Torosidis per Mbaye”.
      Squadra: “Eeeehhh???”
      Dona: “Sì sì, Torosidis, il Leonida della fascia, l’Epaminonda del cross, vedrete che con lui in campo saremo più frizzantini”.

      Squadra: “Mister, qui non si riesce a segnare nemmeno col pennarello.”
      Dona: “Sì, in effetti fate abbastanza cacare.”
      Squadra: “EEEH?? Ma che dice, Mister!!?”
      Dona: “Eh sì scusate, un’interferenza, volevo dire che ‘dovete avere più convinzione di fare male'”.
      Squadra: “Machecazzovuoldire?”
      Dona: “Vabè, vabè, facciamo così: mettiamo su uno che sa tirare le punizioni (l’unico) così magari ci va fatta di sghetto”.

      Squadra: “Mister, qui ogni volta che prendono palla arrivano a tirare, forse c’è un problemino”.
      Dona: “Sì vabè dai, adesso non mi verrete a dire che in nove contro undic- opporcam- occazz- no- NO- NOOO!!!”

  28. bfcheart

    RimpiangoTacopina !!
    Io non conosco le sue colpe ma almeno creava entusiasmo, faceva sognare il tifoso ,viveva la città, al contrario di sti prodepressione monocorde

    1. MarkusB

      Bravo bravissimo Tacopàina, che ha portato tanto entusiasmo. Ma ricordiamoci per favore sempre che:
      (1) Gli unici soldi che ha portato sono quelli di Saputo
      (2) Alcuni milioncini dei soldi di Saputo se li è intascati lui

      (3) Le stesse cose che diceva a noi (“Morirò da presidente del BFC!”, “Scudetto entro dieci anni”, e via andare) le sta dicendo ora ai veneziani (“Faremo uno stadio col vetro di Murano!”, “Lotteremo per lo scudetto entro dieci anni”, etc etc).

    2. Zigano

      Si, hai ragione, lo adoravo anch’io però ha anche detto un numero spropositato di fesserie e sai che promettere bazze quando son gli altri che hanno la pilla non è un buon esercizio.
      Sto casino che vedi, gente indignata che litiga sul sito è senz’altro anche imputabile all’idolo Tacopina. La squadra e la gestione ora sono indecenti ma se alzi troppo l’asticella delle aspettative…
      Ciao

  29. festina

    Mi dispiace sig. Fenucci, ma lei é il primo responsabile dell’annata disastrosa che fa arretrare il c.d.progetto di molto. Ha fatto male a pensare di poter fare a meno di Corvino e Tacopina. In sintesi ha ragione l’ex D.S della Roma, Sabatini, che lei conosce molto bene essendo molto ben conosciuto dallo stesso: Non basta saper far “il contabile” per essere un buon dirigente di calcio. Mr Saputo avrebbe avuto bisogno di un dirigente che conoscesse il calcio e tra lei, Corvino e Tacopina, l’unico era Corvino. Almeno Tacopina generava entusiasmo ad ogni iniziativa, piccola o grande che fosse. Corvino, certamente ha commesso errori, ma di calcio ne capisce, tanto.

  30. bluberry

    quindi continua tutto così? Fenucci ma vai a ca…re!!! Poi mi domando: Fenucci ha grande esperienza in fatto di gestione contabile di una società di calcio. Detto alla brutta è più che altro un commercialista, uno che ha la responsabilità, certo non piccola, di far quadrare i conti. E’ così? Bene. Ma allora cosa centra lui con le scelte tecniche? Quali competenze ha per poter giudicare l’operato di un allenatore, di un direttore sportivo o le qualità di un giocatore? No perchè pare che trattandosi dell’ A.D. decida tutto lui. Qualcuno per favore può spiegargli che il problema non sono le ultime 4 sconfitte, il problema è che la squadra gioca da schifo, o meglio non ha un gioco, che Donadoni sembra non capirci più niente e che cmq di certo i giocatori non lo seguono. Il problema è che gli stessi giocatori sembrano degli zombi, gente che entra in campo senza convinzione e senza grinta, che dopo le ultime disastrose sconfitte anziché reagire prende gol in casa dopo 9 minuti!! Ma dai !! Ma di cosa stiamo parlando?!! Quale progetto?Donadoni non ha fatto crescere neppure uno dei giovani prospetti, i talenti in erba che dovrebbero essere il patrimonio su cui costruire la squadra competitiva del futuro. Ma per favore! In altre piazze altro che disertare una trasferta!! Provate solo a immaginare i tifosi della lazio….con risultati del genere e una squadra che gioca così….non gli fregherebbe niente neanche di Saputo….sarebbe contestazione totale… Del resto in altre società Fenucci sarebbe già a spasso da un pezzo, così come tutto lo staff tecnico, invece qui andiamo avanti anche per tutto il 2018. Roba da matti ! MAI COSI’ MALE IN CASA DA 26 ANNIIIII !!!! SAPUTO SVEGLIAAAA !!! Tutti qui a dire che sei bravo e buono, certo come no? E’ verissimo, ma c’è un altro aggettivo che nessuno, per legittima e sacrosanta riconoscenza, ha il coraggio di usare …Si limitano solo a dire, per tua stessa ammissione, che sei inesperto di calcio…E continuano tutti a non usare quell’aggettivo che rimane in gola e che finisce per ……ONE ! Dai Pres. no fare il CO ….ONE !! Vieni qui e incazzati !!

  31. ciapinorossoblu

    bla bla bla.Non credo assolutamente a piu’ del 10%di questa intervista,;la parte a cui credo?Tavecchio rieletto a capo della FIGC¡

  32. festina

    Qualcuno, non solo su ZO, parla di soldi, di debiti, di plusvalenze, di aumenti di capitale. Anche il dott. Fenucci.
    Mr Saputo ha acquistato una società che ha ad oggetto manifestazioni di calcio-spettacolo. Non ha comprato una banca o una fabbrica di trattori o una clinica.
    Io non so se l’ha pagata molto o poco. Non sono un esperto del settore. Mi pare che in U.K. costino molto di più. Però non insisto.
    Credo anche che la situazione debitoria potesse essere sanata con pagamenti rateizzati.
    In Italia, forse più che in altri paesi europei, se manca lo spettacolo, calano gli spettatori dal vivo e quelli attraverso i media. Quindi calano gli introiti, inesorabilmente. Perché qui da noi il calcio professionistico deve essere uno spettacolo e suscitare emozioni, altrimenti si passano i pomeriggi o le sere a fare altre cose piacevoli.
    Ricordate l’anno di Baggio? Gli abbonati salirono da 18/19.000, dell’anno precedente, a 27.000. (pensate all’aumento degli incassi diretti e indiretti!)
    L’anno di Mazzone, in Europa, il Bologna era seguito sulla RAI da oltre 7.000.000 di spettatori.
    Non credo che ci siano altre ricette per riportare gente allo stadio, ma anche investitori, se non quella di migliorare lo spettacolo. (pensate come sopra)
    Il resto non conta. Lo abbiamo constatato quasi tutti, mi pare. E sfido chiunque a dimostrare il contrario.

    1. fedullo

      I debiti accumulati nelle precedenti gestioni sono stati pagati tutti subito perchè c’erano dei rischi penali che nè Saputo nè Fenucci avevano voglia di correre. Dichiarazione di Fenucci a l’Ottavo Scudetto, se guardi sul sito di È Tv c’è tutta la puntata. Mi pare che comunque l’avessero già detto, da circa due anni, ma si sa che l’orecchio sente sempre ciò che vuole sentire.

      1. festina

        I rischi penali ci sono se sono debiti erariali che non paghi. Ma anche per i debiti erariali sono previsti concordati e possibilità di pagamenti rateizzati. Non sono un fiscalista, ma noto che molti debitori erariali ricorrono alla rateizzazione. La Roma e la Lazio in particolare sono ricorse ad una lunga rateizzazione ed avevano debiti molto più importanti di quelli del Bologna. Non mi dilungo sulla responsabilità penale che, come é noto, é di chi ha commesso i fatti e non si trasmette per successione né per atto tra vivi né mortis causa. Se mi citi i casi specifici, sarò lieto di conoscere la natura e l’entità dei rischi penali di cui parli seguendo le opinioni di Fenucci.

    2. MarkusB

      Sono assolutamente d’accordo sul fatto che l’obiettivo urgente adesso sia riportare un po’ di “spettacolo” in un giochino che nell’ultimo anno di spettacolare ha avuto solo la pazienza di noi tifosi, l’accanimento della sfiga e poco altro. Perso quello, alla lunga, si perde tutto. Che tra l’altro non vuol dire per forza vincere di più o andare in europa- per ora basterebbe vedere una squadra che sa cosa fare, si sbatte e ogni tanto tira fuori lo sghetto; penso che aiuterebbe avere un allenatore più affamato, e che riuscisse a trasmettere questa fame ai suoi giocatori (specie i giovani). Però non sono d’accordo su due dettagli:

      (1) “Credo anche che la situazione debitoria potesse essere sanata con pagamenti rateizzati.” Ma scusa un attimo, per dire questo oltre a pensare che Fenucci sia un completo sprovveduto devi anche pensare che Saputo sia uno che dice “eh vabè dai, paghiamo tutto subito, cosa vuoi che siano una quarantina di milioncini, facciamo i signori”… Posso fare l’ipotesi che questo sia quantomeno improbabile e che prima di cacciare i soldi abbiano fatto quanto meno una botta di conti e di convenienze?

      (2) Ricavi da stadio: la squadra che fa più ricavi da stadio è guardacaso la Rube (che lo ha di proprietà) con una media di circa 40 milioni l’anno negli ultimi 5 anni. Seconda l’Inter (che ha molti più spettatori, tra l’altro) con una media di circa 20! L’unico dato che ho trovato sul BFC si riferisce all’ultimo anno di Guaraldus e recita un ricchissimo 3.5 milioni di ricavi da stadio. La realtà fa schifo; ma la realtà è che di avere gente allo stadio al business calcio del XXI secolo non gliene importa una mazza. Il Sassuolo fa una media di MEZZO MILIONE di ricavi da stadio. Il Napoli ha MENO DI SEIMILA abbonati. I ricavi da diritti TV sono infinitamente più importanti, purtroppo.

      1. festina

        Sono stato sintetico però ho parlato di “incassi diretti” e “indiretti”. I primi sono quelli che derivano dalla vendita di abbonamenti e biglietti. I secondi dalla vendita dei diritti televisivi, pubblicità, marketing. etc. I due sono, quasi sempre, strettamente legati alla qualità dello spettacolo.
        Sulla rateizzazione. Parlo di cose lette sui giornali e non conosco la situazione contabile del Bfc. Che io sappia Lotito ha salvato la Lazio, rateizzando il pagamento di una massa debitoria imponente. Altrimenti la Lazio sarebbe miseramente fallita. Non so il perché, nessuno della società lo ha detto, d’altronde rifuggono le conferenze stampa e le domande scomode, abbiano dovuto azzerare i debiti tutti e subito.
        Concordo con te che al business di oggi degli spettatori presenti allo stadio non gliene freghi niente. Presto metteranno i robots o semplici sagome di cartone. Però che pena!!!
        Ciao.

        1. MarkusB

          Della rateizzazione daa’Lazzzzzio ne ha parlato di recente Gazzoni, dicendo che dopo tanti anni ha capito che in quel preciso momento storico si poteva fare, che Lotito è stato un genio (del male) a farla, e che però ora non si potrebbe fare più. Non so null’altro di più…

  33. Beppe Savoldi

    «Nessun ritiro, non è necessario, né punizioni. Sarebbero giustificate
    se il problema fosse l’impegno dei giocatori, ma non è questo il caso».

    No? Allora qual’è il problema? Il Mister?

    No? Neppure questo è il problema? Allora il problema è che avete comprato un branco di schiappini?

    Oppure vogliamo passare l’idea che perdere 7-1 con il Napoli è normale, perdere con il Milan in 9 è normale ecc………
    Ma fatemi il favore, dai, va bene a pescare.

  34. MAverick

    ahahahahahah che ridere che fanno!!!Fenucci abbiamo capito che non è la persona ideale per parlare in momenti delicati, Bigon risponde con il sorriso alla domanda su Donadoni ma mi sembra di capire che è l’aziendalista per eccellenza non rimane che Marco di Vaio!!! se leggi questa chat inizia a presentarti in conferenza stampa che sei l’unico credibile per la tifoseria ma ancora per poco

  35. Diabolik

    Immagino che Fenucci abbia fatto questo discorso con il suo caratteristico e, per certi versi, irresistibile aplomb britannico.

  36. Fede Giu

    Fenucci perdonami ma a leggere le tue dichiarazioni sembra sempre di leggere le stesse cose..
    Come guardare un film di Terminator…

  37. Benni

    In merito al Sig. Fenucci vorrei indicare alcune cose della sua gestione da AD :
    1) ha cominciato con la guerra a Corvino (separato in casa per mesi) che avrà anche delle colpe, ma doveva rifondare da zero una squadra per la A e di errori ne ha commessi, ma ha anche portato Diawara spendendo 800000 €. 2) su Diawara : non era ancora finito il campionato scorso e già si sapeva che avrebbe venduto il miglior giovane del gruppo per fare cassa e non voglio sentire la storia che se un giocatore ( poi al primo anno) vuole andare via non lo tieni.
    Il Sig. Fenucci, chiamava lui e il suo procuratore a febbraio dell’anno scorso e gli ritoccava il contratto alla cifra dei migliori, (era titolare inamovibile) e vedevi che tutta la manfrina di giugno non succedeva e se succedeva scrivevi a lui ed al procuratore del momento e gli dicevi : sapete cosa c’è, c’è che il sig. Amadou è incedibile (mi pare avesse 5 anni di contratto) e se non si presenta fatti suoi d’ora innanzi vede gli altri giocare. Vedevi che dopo un mese si presentava a Casteldebole a capo chino scusandosi….. LOTITO INSEGNA. 3) il tira e molla per mesi con Sabatini sapendo che era ancora sotto contratto con la Roma: 4) non aver iniziato a trattare con il Sunderland alle prime buone apparizioni di Giaccherini. (poi finito in nazionale ; a quel punto…..!!) 5) ti raccomando la testarda trattativa per il mezzo rotto Sadiq. In ultimo altre due cose che parlano a questa ns. dirigenza : 1) sono veramente seccato di trovare una Sampdoria ( non parlo del Chievo perché è una costante) con un presidente ” macchietta” e si dice anche nulla tenente che ha 10 punti più di noi !!!!. Forse sono capaci…… 2) se c’era ancora il sig. Corvino sono convinto che, nell’ultimo mese, nello spogliatoio “volavano gli stracci” come si dice a Bologna.

    1. marcello65

      D’accordo su quasi tutto tranne che su Corvino: ha azzeccato Diawara e basta.
      1) Giaccherini l’ha trattato lui e non è stato in grado di strappare un diritto di riscatto a prezzo prefissato;
      2) Come portiere ha disperatamente cercato Storari (38 anni) e solo quando quello ha scelto il Cagliari ha virato su Mirante;
      3) Ha comprato Rizzo per 6 milioni (!!!!) di euro
      4) Ha pagato Falco 1,5 milioni
      5) tutti gli altri acquisti si sono rivelati mediocri (Donsah, Gastaldello, Krafth, Mounier, ecc…)

      su Destro invece non ho niente da dire, l’acquisto era giusto, è Destro che si è rivelato inadeguato

      1. Benni

        mi fa piacere che tu sia d’accordo con me, su tutto, tranne che su Corvino ; mi sembra però di avere premesso che ha fatto anche degli errori, ma chi tratta decine di giocatori per il ritorno in A sicuramente sbaglia, Io non sono il difensore di Corvino però il suo curriculum parla per lui. Ricordo che ha preso Da Costa, Mirante svincolato, gran colpo (forse sviava guardando il 38enne Storari) Taider, Giaccherini, Castaldello un buon centrale, ma anche per lui gli anni passano, Donsah che io reputo un buon giocatore giovane (non mediocre) ed uno di quelli che ha mercato e con la plumma che ha il BFC non vorrei che partisse, Mbaye costoso, ma sono convinto che è un buon giovane calciatore e che in A ci può stare ed anche lui ha mercato, Kraft sono d’accordo che fa fatica in A, Mounier lo voleva il Saint’etienne non l’ultima squadra di Francia ; fa l’Europa League, Rizzo giovane costoso e purtroppo sempre rotto ed infine Crisetig delusione, anche se nazionale U21 come vedi, con Diawara, Pulgar giovane nel giro della nazionale cileno, Rossettini centrale titolare nel Torino e infine Destro che io non venderei. Io non li considero tutti acquisti sbagliati anzi, ma bisognava far completare il lavoro a Corvino innestando qualche giocatore affermato nei vari settori, ma che purtroppo bisogna pagare, ma se non ci sono i denari navigheremo sempre in questa mediocrità e venderemo i più richiesti per fare il prossimo mercato (mi sembra d’impazzire) speriamo che il Presidente ci dia una mano altrimenti quest’altr’anno sarà dura ; non ci saranno sempre tre derelitte retrocesse a dicembre.

        1. Furio_P

          su Corvino aggiungo che è riuscito a mandar via un numero notevole di inguardabili, e non stato davvero un lavoro facile!

        2. marcello65

          Sì Benni, è vero, ma sono mediocri dai, forse Pulgar può diventare bravo tra un paio d’anni, giocando. Donsah sarebbe forte e anche Rizzo per me, ma sono sempre rotti. Quando vedo giocare non dico il Napoli, ma la Lazio, mi sembra di vedere un altro sport.

      2. Andrea Bolognese

        Concordo su tutto.Donsah invece ti dico che è forte ed è l ‘unico ad aver mercato.
        Gli altri sono tutti brocchi strapagati e strastipendiati.

        1. marcello65

          Donsah piace anche a me, ma se non lo fa giocare mai ci sarà un motivo… spero almeno.
          Oh, poi nemmeno Pioli faceva giocare Laxalt, che invece è buono

  38. BFC1909

    Io sono del parere di dar fiducia a Donadoni anche se sono il primo a dire che così male il BFC non lo vedevo giocare da diversi anni. I conti si faranno alla fine e cioè se al prossimo anno non si cambiano un paio di pedine partendo dalla difesa e finendo con l attacco allora saputo nel 2018 manda a casa tutti e ricomincia con nuove pedine!

  39. Furio_P

    «Nessun ritiro, non è necessario, né punizioni. Sarebbero giustificate se il problema fosse l’impegno dei giocatori, ma non è questo il caso». Fenucci, faccia due chiacchiere con l’allenatore che qualche giorno fa ha detto in pubblico (e non è certo uno stupido, quindi se l’ha fatto un motivo ci sarà) di essere molto insoddisfatto dell’impegno profuso in allenamento. Quanto alle “sole quattro partite perse”, non è che abbiamo tutti gli occhi foderati di… mozzarella: il problema è che abbiamo strameritato di perderle fornendo prestazioni orrende!