Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Gonzalez:

Gonzalez: “Il 3-5-2 è il mio modulo preferito, per salire in classifica dovremo prendere meno gol”

Reduce da un buon Mondiale, nonostante l’eliminazione della sua Costa Rica ai gironi, Giancarlo Gonzalez è pronto per prendere in mano le redini della difesa rossoblù, verosimilmente da centrale di una linea a tre. Questa mattina ‘El Pipo’ , tornato in gruppo sul finire del ritiro di Pinzolo, è stato intervistato dai giornalisti presenti a Kirchdorf, dove il Bologna si sta preparando per i primi impegni ufficiale della nuova stagione. Ecco le sue dichiarazioni, suddivise per argomenti principali:

Dalla Russia al rossoblù – «Sono contento di essere rientrato in gruppo, ho trovato compagni nuovi che vogliono darci una mano e che hanno grande qualità, vogliamo preparare al meglio la stagione. In rosa non ci sono dei fenomeni, ma abbiamo ragazzi con delle doti che vogliono lavorare insieme per fare il bene del Bologna».

Alziamo il muro – «L’anno scorso abbiamo preso troppi gol, l’obiettivo stagionale è prenderne di meno per conquistare più punti e salire in classifica. Il mister ci sta aiutando molto da questo punto di vista».

Modulo ideale – «Inzaghi è un allenatore molto preparato, con uno staff di grandi professionisti che hanno chiaro il sistema di gioco da imprimere alla squadra. Il 3-5-2 è il modulo che mi piace di più, dove mi trovo meglio, l’ho fatto per tanti anni al Palermo e anche in Nazionale. Posso agire sia da centrale che da terzo a destra, come nella Costa Rica: spero di conquistarmi una maglia da titolare e dare un contributo importante alla squadra».

Da Donadoni a Inzaghi – «Il cambiamento più grande è che prima giocavamo a quattro dietro, mentre adesso a tre. E siamo messi meglio in campo anche quando attacchiamo».

Volti nuovi – «Non conoscevo quasi nessuno dei nuovi innesti ma mi hanno parlato molto bene di Santander, mi auguro possa essere un grande anno per lui. Chi mi ha sorpreso di più? Tutti, se sono arrivati nel miglior campionato del mondo è perché lo meritano e hanno voglia di fare un salto di qualità importante».