Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Mihajlovic eletto miglior allenatore serbo del 2019, la premiazione il 20 dicembre a Belgrado

Il Bologna va a salutare Mihajlovic al Sant’Orsola, Sinisa ringrazia dalla finestra: “Siete stati bravi ma non abbiamo fatto ancora niente”

Tante volte, in queste settimane, si è raccontato di come Sinisa Mihajlovic faccia di tutto per stare vicino ai suoi ragazzi anche quando non gli è possibile uscire dall’ospedale. Dopo le presenze in panchina contro Hellas Verona e Spal, oggi pomeriggio al Rigamonti il mister serbo non ha potuto essere a bordocampo a causa del secondo ciclo di chemioterapia a cui si sta sottoponendo per guarire dalla leucemia. E così stasera è stata la squadra a fargli una bella sorpresa e a presentarsi, di ritorno dalla vittoriosa trasferta di Brescia, fuori dal Policlinico Sant’Orsola.
I giocatori hanno chiamato a gran voce il tecnico serbo intonando il coro «Dai Sinisa alé», e quest’ultimo ha sorriso e ringraziato il gruppo affacciandosi dalla finestra della sua camera. Riconoscibilissimo lo stile di Mihajlovic nelle poche battute scambiate con capitan Dzemaili e compagni: «Solo quando vincete venite a rompere… Non me l’aspettavo, grazie di cuore, se volete potete salire in stanza che riguardiamo la partita. Siete stati bravi ma mercoledì ne riparliamo bene, perché non mi è piaciuto tutto e comunque non abbiamo ancora fatto niente», ha chiosato Sinisa, strappando una sorriso all’intera rosa. Il Bologna si è poi trattenuto all’esterno del Sant’Orsola ancora per qualche minuto, risalendo infine sul pullman per fare rientro a Casteldebole.

© Riproduzione Riservata

Foto: Getty Images