Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Inzaghi:

Inzaghi: “Intensità e organizzazione, questo è il Bologna che voglio. Sul mercato o alziamo la qualità o restiamo così”

Al termine dell’ultima amichevole disputata dal Bologna nel ritiro di Pinzolo, vinta 2-0 contro il Southampton Under 23, Filippo Inzaghi ha tracciato un primo bilancio della preparazione estiva, a tre settimane dall’esordio ufficiale in Coppa Italia. Di seguito, suddivise per argomenti principali, tutte le dichiarazioni rilasciate dal tecnico rossoblù questo pomeriggio al centro sportivo Pineta:

Partita vera – «Bene così, mi aspettavo un match del genere, tosto e combattuto. In questo momento siamo poco brillanti, come normale che sia visti i carichi di lavoro, ma è comunque positivo non aver mai rischiato nulla e non aver preso gol. Davanti potevamo segnare anche prima con le due buone occasioni di Donsah, e in generale i ragazzi mi sono piaciuti più nel secondo tempo, anche le uscite palla al piede ci sono venute meglio. Sto cercando la ricetta giusta per farli crescere e arrivare in forma alla Coppa Italia, perché ci teniamo a fare strada».

Nuovo Bologna – «Ho cercato di trasmettere la mia mentalità e le mie idee e da parte del gruppo ho trovato grande disponibilità. La prossima Serie A sarà molto competitiva e noi dovremo correre più degli altri, non possiamo prescindere dall’intensità e dall’organizzazione, accorciando il divario tecnico dalle grandi con la voglia e la compattezza».

Mosse di mercato – «Il Bologna ha acquistato giocatori funzionali al 3-5-2, come avevo chiesto. Ora attendo il rientro dei nazionali, che già conosco ma che voglio vedere all’opera all’interno di questo sistema di gioco, per il resto la società è sempre pronta ad intervenire sul mercato se ci sarà l’occasione. O inseriamo elementi davvero in grado di alzare la qualità o restiamo così, nel frattempo sto cercando di alzare l’autostima dei ragazzi, facendogli capire che io e il club crediamo fortemente in loro».

Pro e contro – «C’è tanto da lavorare sulla circolazione di palla, siamo ancora troppo lenti, e anche altri sincronismi vanno migliorati, ma in questi due giorni ho visto anche in partita alcune combinazioni provate in allenamento e sono contento. La nota più positiva in assoluto è l’entusiasmo dei tifosi, che ringrazio perché fin qui sono stati eccezionali. A loro voglio dire che questi ragazzi daranno tutto per farsi perdonare e regalagli una bella stagione, serve solo un po’ di pazienza: se tutti diamo il massimo, possiamo arrivare lontano».