La Polizia Locale di Roma Capitale si scusa con Mihajlovic, procedimento disciplinare per il vigile che lo aveva insultato

La Polizia Locale di Roma Capitale si scusa con Mihajlovic, procedimento disciplinare per il vigile che lo aveva insultato

Nel tardo pomeriggio di oggi il Comando della Polizia Locale di Roma Capitale ha diffuso un comunicato stampa di aggiornamento in merito ai fatti avvenuti in zona Ponte Milvio prima della finale di Coppa Italia tra Lazio e Atalanta, quando l’allenatore del Bologna Sinisa Mihajlovic era stato insultato da un vigile. Ecco il testo integrale: «In merito alle offese indirizzate al tecnico del Bologna, Sinisa Mihajlovic, il nostro Comando, come già premesso nei giorni scorsi, ha avviato indagini interne per risalire al responsabile dell’accaduto, nei confronti del quale è stato avviato un procedimento disciplinare. Il Comandate del Corpo Antonio Di Maggio, ha espresso direttamente al tecnico del Bologna e a tutta la sua famiglia le sentite scuse da parte del Corpo, prendendo le distanze dal comportamento dell’agente, che non rispecchia di certo la professionalità di un’intera categoria di lavoratori, i quali si adoperano ogni giorno per tutelare i cittadini e rendere la Capitale più vivibile, garantendo sicurezza, legalità e decoro».
Ingiurie aggravate dall’odio razziale è l’ipotesi di reato che potrebbe essere contestata ‒ in caso di denuncia del diretto interessato ‒ al soggetto che gli ha urlato «zingaro di m…a» dopo un breve diverbio, sorto perché Mihajlovic aveva chiesto ad un operatore dell’ordine pubblico di poter raggiungere lo stadio Olimpico con la sua auto, ma in quel momento la strada era bloccata da uno sbarramento composto anche da carabinieri e finanzieri in assetto antisommossa e da diversi blindati.