Le perplessità sul Bologna vanno oltre ai quattro salti in discoteca

Questa mattina il club manager Marco Di Vaio ha commentato l’episodio relativo ai quattro giocatori sorpresi in discoteca nella notte fra mercoledì e giovedì. Queste le sue parole, trasmesse nel corso del programma ‘Mezzogiorno Rossoblù’, in onda su Radio Bologna Uno: «Ho parlato con i ragazzi, ci siamo confrontati con loro e con il capitano per capire la dinamica dei fatti e le motivazioni della scelta. Il principio era anche giusto, volevano fare una cena che è durata più del previsto, non c’era l’intenzione di fare serata in discoteca. Visto il momento negativo, però, è stata certamente una leggerezza, una cavolata che li farà crescere molto. Da regolamento prenderanno una multa che verrà poi devoluta in beneficenza, ma mi dispiace per l’esagerato risalto mediatico riservato all’accaduto. Questa lezione varrà tanto per loro in futuro».
Ora, premesso che un comportamento di questo tipo non si addice a dei professionisti, qualunque sia la loro età, nel caso specifico c’è anche l’aggravante dello scarso rendimento sul campo, non solo sul piano tecnico ma soprattutto su quello mentale. E sia ben chiaro, non è questione di Masina, Oikonomou, Pulgar e Viviani, perché le voci corrono e raccontano anche di altre serate con altri protagonisti, il discorso è generale. In un momento in cui la squadra non riesce ad esprimersi, fa una fatica tremenda a conquistare punti ed è appena stata ‘scaricata’, seppur temporaneamente, persino dalla fedelissima Curva Andrea Costa, un atteggiamento del genere non può essere tollerato e men che meno può passare sotto silenzio. La cosa più grave, infine, è che il fatto sia venuto alla luce tramite gli stessi tifosi e, subito dopo, i giornalisti, che ora vengono ovviamente additati come brutti e cattivi. E la società dov’era? Al di là dei quattro salti in discoteca, una ragazzata pensata male e realizzata peggio, la cosa più preoccupante è che nessuno abbia vigilato, e che poi tutti a Casteldebole siano caduti dalle nuvole. Serviva soltanto qualcuno che andasse a ‘prenderli per un orecchio’, come si dice in gergo, ma nel Bologna dove tutti si occupano di tutto non c’è nessuno che lo abbia fatto.

© Riproduzione Riservata

71 Responses

  1. Lucas

    Il fatto di organizzare una serata in discoteca tra amici-colleghi può essere considerata una mancanza di impegno? Non capisco questa polemica presentata su alcuni quotidiani locali. Un conto è impegnarsi poco durante gli allenamenti (il loro lavoro), un altro conto è organizzare, dopo il lavoro, un momento di libertà. Questa polemica la trovo davvero una stronzata proprio perché i “professionisti del pallone” hanno poi i bisogni di tutti (tipo: cazzeggiare dopo il lavoro, andare a ballare, fare gruppo). Tra l’altro mi risulta che nella maggior parte dei casi, i giocatori non si allenano alle 7 di mattina. Per cui il tempo di riposare ce l’avrebbero eccome!

  2. rimineserossoblu

    “…la cosa più preoccupante è che nessuno abbia vigilato…”
    Simone, visto che sei uno che accetta il contraddittorio, mi spieghi come secondo te si sarebbe dovuto vigilare. Affidiamo ogni giocatore ad un angelo custode che vigila sui comportamenti dell’assistito? oppure mandiamo tutti i giocatori a dormire in un convento con obbligo di rientro entro le 22? Dimmi tu come faresti.
    A me sembra che su sta vicenda ci si stia speculando eccessivamente; è il terzo articolo (articolo per modo di dire) che oggi ci scrivete sopra.
    EVVIVA LA LIBERTA’ D’OPINIONE, EVVIVA LA LIBERTA’ DI STAMPA

    1. cerchiobis

      tom ponzi e’ vivo e lotta insieme a noi
      io installerei un gps a livello ombelicale,aiuterebbe anche lo staff tecnico

    2. ugo larana

      Concordo con quanto dici in più aggiungo: cosa significa vigilare? Voglio dire un’altro paio di cose, proprio perchè tu sei così disponibile al confronto. Dici che sembra non sia la prima volta seppur con interpreti diversi? Allora cosa si aspetta ad intervenire? Da ultino leggo una contraddizione in quello che dici: Serviva soltanto qualcuno che andasse a ‘prenderli per un orecchio’, come si dice in gergo, ma nel Bologna dove tutti si occupano di tutto non c’è nessuno che lo abbia fatto. ma se sapevano dove fossero vuol dire che avevano il permesso perchè l’avevano comunicato oppure è arrivata la soffiata in tempo reale. Nel primo caso cade ogni malinteso, nel secondo dovrebbero essere volatili per diabetici non ti sembra? W BFC

    3. Zippo

      La cosa più grave non è a parer mio la discoteca, è il momento e tanto altro che non andava già prima.

    4. JordanBo7

      Certo che se lo staff non riesce a rendersi conto che la mattina dopo sono stanchissimi e non danno gli stessi risultati, vuol dire solo e soltanto che abbiamo uno staff di merda

  3. solobfc

    4 ragazzi poco più che ventenni, in un momento pesante della stagione con risultati che non arrivano e tifosi che gli voltano le spalle, pensano bene di fare serata l’otto marzo per distrarsi e rilassarsi un po’. soccia che notizione.

  4. Bfc nel cuor

    Mo basta state creando polemica su una cosa non grave, vi attaccate a tutto …anche io sono deluso dagli ultimi risultati ma qui si sta esagerando bona far polemiche…andate anche voi a ballare e a divertirvi con pulgar in disco …fidatevi che vi divertite ??

    1. rimineserossoblu

      Pulgar n.1. Con quella faccia da rissaiolo mi ricorda qualcuno quando era giovane?

  5. MAverick

    Sono proprio dei coglioni. se perdi domenica poi sta storia si trascina all’infinito.

  6. mantovarossoblù

    E’ preferibile che si siano fatti vedere in discoteca piuttosto che – come tanti altri – si siano chiusi in casa con troie e sostanze.

  7. Matteo20plus

    Non pensavo che Bologna fosse diventata così moralista e puritana, bisogna che mi aggiorni.O vale solo per dare sempre addosso al Bfc.Se erano in discoteca all’una e mezzo e dovevano allenarsi undici ore dopo qual’è il problema? Non hanno dormito abbastanza?

  8. mattia96

    Di sicuro non hanno fatto la cosa migliore, ma sará il decimo articolo che leggo su sta cosa… Neanche avessero ammazzato qualcuno… Non é che si sta un pelo esagerando con sta storia?

    1. Zippo

      Per come la capisco io viene detto e ridetto per far capire che non funzionano le cose come società.

      1. mattia96

        Questo é chiaro, ma lo era già abbastanza anche prima per quel che mi riguarda…

  9. andrea46

    Alla fine dei conti hanno poi fatto solo quattro salti in padella, slogan pubblicitario.

  10. rimineserossoblu

    e comunque se si vince col sassuolo proporrei che tutti i mercoledì si vada a tirar tardi in discoteca?

  11. salisbury1951

    sono andati in discoteca anche altre volteeeeeeeeeee, uuhhhhhhhhh orrorrreeeeeeeeeeeeee alla gogna magari hanno anche fatto amicizia con genere femminile , vergognaaaaaaaaaaa, allora diciamo uscita inopportuna addesso basta bona lè , ok, ma tutti quei personaggi che li hanno visti in discoteca la sera dove c…. erano ???, se i datori di lavoro dovessero multare tutti quelli che vanno in discoteca la sera ,alla fine del mese dovrebbero pagare i dipendenti, forse è meglio darci un taglio

  12. Ladri bianconeri

    Al momento qualsiasi cosa rende ancora maggiore la rabbia verso calciatori che deludono sempre di più. Ovviamente

  13. H64

    Di Vaio, dov’eri la notte di mercoledì? Perché non eri anche tu in discoteca a fare il vigilante? ?

  14. VamosBien

    Bisogna che la società risolva i suoi problemi con il giornalismo locale.
    In tanti anni non mi ricordo articoli su questi argomenti di gossip pubblicati da giornali che hanno pur sempre una edizione nazionale come il Corriere della sera e Gazzetta.
    Possibile che non siano mai accaduti? Eppure i tifosi hanno sempre avuto gli occhi e la lingua.
    Quando sullo stesso Corriere pochi giorni fa un editoriale lamentava esplicitamente che Saputo o lo staff in società non li considera, facendogli concedere le interviste solo a Sky o al sito Bfc.
    E’ chiaro che i giornalisti locali non riescono a lavorare come vorrebbero e quindi;
    Se la squadra va bene minimizzano.
    Se la squadra va male incalzano.
    se c’è un motivo per attaccare la società e mettergli contro i tifosi lo fanno; anche al punto di criticare la scelta di quale giocatore va a parlare in sala stampa.
    Bisogna che venga trovato un compromesso perchè a me sta a cuore il Bologna ad altri il proprio lavoro col Bologna
    Io vorrei vedere la mia squadra in Champions, altri vorrebbero vedere il loro lavoro (anche col Bologna in B) avere un senso e non superato dal sito societario o dalle tv nazionali.
    P.S con Guaraldi i giocatori andavano tutti a letto alle 22.00.

    1. festina

      Hai colto un aspetto molto importante nella strategia della comunicazione che al Bfc manca proprio, da quando se ne é andato un mago delle p.r.
      Io, in passato, ho a lungo criticato pesantemente alcuni giornalisti che scrivevano cose gravi e non provate.
      Ma fare una battaglia o, semplicemente, fare gli schizzinosi con tutti -o quasi- i media locali non é una gran pensata. Perché, volenti o nolenti, rappresentano il mezzo di comunicazione tra la società e i sostenitori. Che non lo capisca Fenucci, ci sta. Che non lo capisca Mr Saputo, mi dispiace, molto.
      Con Guaraldi andavano a letto senza cena perché non c’era la pilla.

    2. stykygol41

      Sono 30 anni che certi giornalisti magnano a sbaffo sulla pelle del BFC sono sempre gli stessi senza vergogna…

      1. VamosBien

        Comunque quello che intendevo io è che comunque i giornalisti fanno un lavoro, e per fare questo sono tenuti a riempire pagine. E particolarmente adesso con la crisi della carta stampata devono cercare di scrivere cose interessanti. Se non possono riempirle grazie all’aiuto della società si arrangiano in altro modo. Quello che mi domando è: a chi conviene? non si potrebbe migliorare la situazione?

  15. 2Torri

    Beh dai la scorsa società si dimenticava i giocatori in aeroporto… Almeno qui li abbiamo a Bologna! Robe da pazzi questo articolo…

    Minghinelli ma quando te, a 20 anni, andavi male ad un esame all’università stavi sempre a casa fin quando non lo passavi? ? ?

  16. fedullo

    Ma quanto sei bigotto Minghinelli?! Esci ogni tanto? Dire che qualcuno doveva vigilare è una roba assurda, vai a chiedere a Moratti com’è finita dopo che Vieri ha scoperto di essere spiato da un investigatore privato pagato dalla società. Lo sciacallaggio “giornalistico” continua e io che sono malizioso non credo che tutto ciò sia un caso visto che va avanti dall’estate scorsa. Una parte dei media sta facendo una campagna politica contro Saputo e sono pronto a scommettere che nasca dalla questione stadio.

  17. Fra1981

    Sono stupito dalla quantità di ‘bigottismo’ presente su un forum di tifosi…
    Ma davvero pensiamo che una serata del genere possa incidere sulle prestazioni dei giocatori??
    Oltretutto…di cinni poco più che vent’anni…
    Ma ve li ricordate i vs 20 anni????
    Tempi di recupero da record…o sbaglio??
    Poi…se ho capito bene…il giorno dopo avevano allenamento verso mezzogiorno…avevano tutto il tempo di riprendersi…
    La pietà di prestazioni a cui stiamo assistendo non sono assolutamente figlie di serate come questa….
    Anche perché…scusate….loro erano in in luogo pubblico e sono stati pizzicati…ma magari qualcun’altro (anche di altre squadre) organizzano festine private a casa di uno o dell’altro e fanno mattina…
    semplicemente…non si viene a sapere…
    Se poi vogliamo nasconderci dietro al detto ‘occhio non vede cuore non duole’ liberi di farlo…

    1. elnino

      Sono d’accordo, tutti questi articoli su questa vicenda mi puzzano di “bruciato”

    2. solobfc

      No ma poi che ipocrisia è? Come se i gobbi andassero tutti a dormire alle 21, o come se nella storia del calcio non ci fossero stati esempi ben peggiori.. Io seguo il Bologna dagli anni ’80 e non ricordo mai un articolo insinuante di questo tipo, eppure di giocatori che pigliavano l’auto e andavano a gnocca in riviera o verso il veneto ce n’è stati eccome. E mai una parola scritta, chissà perchè.

      1. ezio

        io seguo il bologna dagli anni 60 e ti giuro che i giocatori erano super controllati. Inoltre non puoi fare il paragone con gli iuventini loro almeno vincono e non fanno figuracce in campo

        1. solobfc

          in compenso sfasciavano automobili alle 5 di mattina solo poco tempo fa, il paragone regge eccome se leggi cosa ho scritto e non quello che tu vuoi leggerci.

          tutti lettori del corriere di Bologna qui, ve’?

    3. marcello65

      Non è il fatto in sé, è l’inopportunità di farlo in un momento come questo. Servirá a farli crescere

  18. franco

    Secondo me hanno i quattro tiratardi hanno sbagliato, e di molto. Non tanto perchè sono andati in un locale, ma perchè la cosa è avvenuta in questi tempi grami di risultati sportivi. Poi sono andati fuori a cena e poi in discoteca? Passi la prima, ma la discoteca proprio no, di divertirsi, almeno in pubblico non era proprio il caso, quando poi i risultati sportivi sono così scadenti.

  19. sonnyboy

    Caro Zerocinquantuno, attiro la tua attenzione su un aspetto:
    la grande maggioranza degli utenti di Zerocinquantuno non condivide l’attuale linea editoriale di Zerocinquantuno.

    E’ un fatto innegabile, se ne accorge chiunque legga i commenti agli articoli pubblicati.

    Immagino che a te, caro Zerocinquantuno, non importi un fico secco del fatto che la grande maggioranza degli utenti di Zerocinquantuno non ne condivida l’attuale linea editoriale.

    Ne prendiamo atto.

    Però dovresti riflettere, caro Zerocinquantuno, sul fatto che qualunque testata giornalistica vive finché ha lettori, utenti, “aficionados”. Perché quando non ne ha più, oppure ne ha pochissimi, finisce di vivere e chiude.
    A meno che la sua vita non dipenda dal suo essere testata giornalistica, ma da altri fattori: che so, tipo essere finanziati da qualcuno che intende ottenere risultati “traversali” grazie alle campagne giornalistiche. Lo dico come esempio, mica perché io pensi che sia proprio vero ….

    Saluti, caro Zerocinquantuno.

    1. cerchiobis

      a provocare pero’ aumentano i contatti
      una semplice regola del marketing

      1. solobfc

        altrettanto semplice regola del marketing è che quando c’è una maggioranza insoddisfatta si crea spazio per nuova offerta, e a lungo andare questo non porta mai niente di buono per chi c’era prima..

        1. cerchiobis

          fomentando a dosi giuste le dispute fra goduti e mai,si aumentano le discussioni e le si pepano facendo crescere il numero dei contatti

  20. M L

    Salve, sono un giornalista di Bologna. E poiché sono bravo bravo scrivo del Bologna sportivo, cioè il top assoluto, più di un corrispondente dalle zone di guerra o di uno Spotlight che scopre la pedofilia nella Chiesa.
    Siccome però non sono il solo qua a fiutare l’aria e menar fendenti di inchiostro, cerco di essere originale, vado alla ricerca di notizie esclusive, interessanti, importanti, che magari aprano un dibattito maturo e utile alla squadra, alla società, alla tifoseria (alla città?), perché io, da vero cane da guardia stile anglosassone, incantono sempre chi sbaglia, senza perdonargli nulla nel supremo nome della Verità.
    Ebbene, era da un po’ che sotto i portici circolava voce che alcuni giocatori (ventenni) avessero fatto tardi (si dice l’una e mezza, ma forse anche le 2 di notte!) in discoteca (il Giostrà, dove mangi e ascolti musica live) la sera della Festa della Donna (un mercoledì, infrasettimanale): ho capito subito che c’era del torbido in cui gettarsi a capofitto per scoprire l’intrigo, individuare i colpevoli, svelare particolari raccapriccianti e richiamare all’ordine tutti i soggetti coinvolti – signora mia, dove andremo mai a finire? -, impavido, come ogni vero investigatore della carta stampata deve fare!
    E ho bruciato tutti i miei colleghi: questa volta io ho l’esclusiva! Rosicate Beneforti, Minghelli, Sacchi e – incredibile! – pure Rovinetti che vi toccherà di parlare d’altro perché qui siamo a un livello troppo superiore!
    Ah no? Mi dite che anche loro si sono espressi, con tanto di interviste… non è mica giusto…
    P.S. = A sto punto spero che a Sassuolo si perda, perché se invece così non sarà, porca miseria come faccio a rimangiarmi lo scoop in cui avevo chiaramente e linearmente esposto il principio di causa effetto: notti brave = pessime figure in campo?

  21. cerchiobis

    ovviamente non ho letto l’articolo
    ma faccio un sondaggio:
    quanti calciatori ha interpellato voldefort
    prima di trovare quello giusto?

    1. M L

      Questo è uno dei miei must: per esprimere un giudizio, valutare una situazione, è molto più importante quello che non sappiamo di quello che invece sappiamo.

    2. Leo_NY

      Infatti! Chissa che cosa gli avrebbe detto, chesso’, Locatelli (tanto per citarne uno di quelli “ligi”…)

  22. Foglietti

    Ho letto con stupore dello scandalo delle notti brave (l’una di notte, mammamia …) e credo che trattandosi di ventenni che vivono lontano dalle loro famiglie e che passano più tempo coi compagni di gioco e l’allenatore che con chiunque altro il desiderio di godere un po’ della loro condizione di privilegiati sia del tutto normale. la mia idea è che, se quello che è capitato è vero, si tratti di un segnale solo che positivo, perchè fa vedere che quello che sta accdendo alla squadra NON è frutto del fatto che i ragazzi tra loro – come ho letto su qualche giornale sportivo – si ‘odiano’. Non credo sia alla nostra altezza di tifosi e forumisti ‘trollare’ e indossare i panni degli ‘haters’. Vediamoli in campo domenica. Con tutti i difetti di questo BFC 2017 la speranza è che almeno sappiano soffrire insieme così come godono insieme !

  23. haggadah

    Minghinelli aveva iniziato bene, poi è stato anche lui condizionato dalla linea editoriale di ZO, vedi Baccolini, Sacchi, Beneforti…..tutto nella regola!

  24. Zigano

    Non sono d’accordo, rispetto è anche forma comportamentale. Non si giudica l’andare a ballare qua, ma vedo che in molti non comprendete. Bramate uno squadrone, ma una grande società e una tifoseria di livello di città importanti abituate a vincere non lo permetterebbero e giustamente.
    Provate a ragionare un attimo da tifoso di una società vincente, provate a immaginare Barcelona o Torino o Monaco in Baviera dopo la striscia di risultati con tutti i record negativi battuti.
    Personalmente non giudico i 4 ragazzi a ballare, non riuscirebbero mai a eguagliare i miei personali record di fattanze e serataccie tra Bologna e Riccione passando dal mio trasferimento in Centroamérica, ma io purtroppo per me non giocavo in un club in serie A, loro si! Con tanto di vantaggi unici che nessuno di voi che li scusate perché siete “free” avrete mai in vita vostra.
    C’è momento e momento, sono 4 idioti e irrispettosi e se fossi il loro capitano gli gonfierei la faccia di testate. Poi dopo li perdonerei e li abbraccerei forte. Domenica dobbiamo vincere, e loro hanno sbagliato. Chi li scusa sbaglia con loro perché con la comprensione infinita non son nati mai dei campioni.

  25. m4rgherit0ni

    Dov è lo stupore nel sapere che ragazzi di 20 anni vanno in discoteca?
    Fatevi ben meno s…e mentali.

  26. husky 56

    Simone ma che caxxate vai dicendo….queste sono persone maggiorenni….la societa cosa doveva farre Vigilare? Ma state scherzando? Ma ti rendi conto che ciò che scrivi agisce sulla sfera delle li berta individuali costituzionalmente tutelate e garantite? In giurisprudenza la non conoscenza delle norme non puo e non deve mai essere una giustificazione.leggiti o rileggiti la Costituzione italiana…

  27. romarossoblu

    Io propongo la ghigliottina per i 4!!!! Una serata fuori??? Siamo matti??? Al patibolo e subito!!! Anzi voglio che vadano al patibolo anche i dirigenti e il mister che la notte non vigilano. E se qualche giocatore alle 3:00 di mattina tromba a casetta sua con 2/3 signorine chi vigila??? Al patibolo pure le signorine ???

  28. husky 56

    Dico la verità. Io mi riconosco nella gran parte dei forumisti. Ma sempre meno negli articoli da commentare. La guerra che Mario Sacchi combatte conto il bfc e una sua crociata che sinceramente mi trova con il cuore ma anche con la ragione dall’altra parte della barricata. Qui, a mio parere, non si fa più del giornalismo ma si strumentalizza tutto per screditare cio che il Bfc Sta facendo. Se il refrain non cambierà ed anche in fretta il ritrovo di Marzolino puo essere l’occasione per un confronto serio e serrato ed eventualmente per decisioni ad azioni che nel pieno e totale rispetto sia della legalita che del diritto siano comunque incisive e diano un forte segnale di dissenso
    Perché se è vero che noi qui siamo in casa di altri (di Mario Sacchi) è altrettanto vero che senza gli ospiti il forum non avrebbe ragione d’esistere.
    Marco I.

  29. oschi

    Quattro salti in discoteca! La frase mi fa sorridere e mi fa pensare per qualche ragione a Paolo Panelli, Caterina Caselli e gli anni 60…

    1. solobfc

      è lo stesso vocabolario dei “giri di valzer in C”, e già solo questo dovrebbe far riflettere.

      1. cerchiobis

        prenderli per un orecchio 🙂 (gergo) Minghinelli ha studiato su vecchie raccolte di stadio(tutto l’anno dello scudetto imparato a memoria)

        1. solobfc

          Non l’ho su con lui comunque: forse in città l’atmosfera è diversa da quello che posso sentire io a 1500km, però vedo una società ormai consolidata da tre anni ma sempre lo stesso bagaglio culturale intorno, e un po’ mi spiace.

          Per far tornare grande il BFC come è giusto che sia serve cambiare atteggiamento, smetterla di sentirsi la squadra sfigata che non combinerà mai nulla nella vita, e iniziare a viverla un po’ meno pesante. Qui non torniamo in B, gli anticorpi ci sono tutti.

          1. cerchiobis

            giustissimo,dobbiamo crescere in tutti i campi ma il giornalismo e’ in crisi e chi incomincia deve seguire il solco dei pachidermi che guidano il branco,da qui l’eccesso di retorica che mi rimanda alle elementari in grembiule,ad ogni modo appena c e ne e’ uno che crive un po’ diverso lo compra subito l’Inter

  30. Piercoln

    Tutto questo succede perché la società non esiste. Donadoni una settimana fa aveva già lanciato l’allarme ma è stato soltanto sbeffeggiato. Non c’è più sordo di chi non vuol sentire.

  31. Fede

    “E la società dove era?” Era in tutte le altre discoteche, pub, ristoranti, bordelli, sale gioco di Bologna e provincia … gli avevano detto che il giostra’ il mercoledì non tirava.
    Sparare sulla società per linea editoriale è una scelta, facendolo sparando cxxxxx è solo ridicolo.

  32. Mario Fabbrini

    E’ questione di testa e di atteggiamento .Un atleta serio e appassionato ,che ama il proprio sport e rispetta dal datore di lavoro all’ultimo dei tifosi fa scelte diverse ,fa tutte quelle piccole cose che da sole non cambiano una virgola ma messe tutte insieme gli permettono comunque di essere al top della condizione .Vero che se vinci hai ragione tu ,ma qua si perde e si inanellano figure barbine ,almeno un po’ di vergogna ci stava ,invece fuori fino alle 2….Non sono giustificabili e con un po’di zucca avrebbero evitato ,era evidente che qualcuno avrebbe parlato ,se la sono pure cercata .Solitamente è l’allenatore che impone le regole comportamentali ,non credo che poi in società avranno minimizzato più di tanto .Ora ragazzi siete tenuti ancor più a giocare contro il Sassuolo col coltello tra i denti e a correre come furie .perché se andate ai due allora ma poi fate le notti brave allora 2+2 fa proprio 4 …