L'Italia pareggia 1-1 a Wembley, Di Biagio snobba ancora Verdi. Altro gol di Dzemaili, Helander titolare, bene Pulgar

L’Italia pareggia 1-1 a Wembley, Di Biagio snobba ancora Verdi. Altro gol di Dzemaili, Helander titolare, bene Pulgar

L’Italia stenta ma nel finale coglie un prestigioso pareggio per 1-1 a Wembley contro l’Inghilterra. Padroni di casa avanti al 26’ con Vardy, bravo ad approfittare insieme a Lingard di una colossale dormita della difesa avversaria, pareggio azzurro all’87’ su rigore concesso dall’arbitro Aytekin dopo revisione VAR per fallo di Tarkowski su Chiesa: dal dischetto trasforma Insigne, fino a quel momento abbastanza in ombra. Anche oggi zero minuti per il fantasista del Bologna Simone Verdi, totalmente snobbato dal c.t. Di Biagio, scelta piuttosto discutibile considerando il valore del calciatore e lo stato di forma degli altri esterni d’attacco, Candreva in primis.
Stessa sorte, ma con tanto di sconfitta, è toccata a Giancarlo Gonzalez e Adam Nagy, relegati in panchina durante Tunisia-Costa Rica 1-0 (gol di Khazri al 36’) e Ungheria-Scozia 0-1 (gol di Phillips al 48’). Sorride, invece, Blerim Dzemaili, in campo nel primo tempo con la sua Svizzera a Lucerna e autore al 22’ del gol che avvia il perentorio 6-0 con cui gli elvetici regolano Panama. Vince anche la Grecia, 1-0 all’Egitto sul neutro di Zurigo (gol di Karelis al 29’), con Vasilis Torosidis inserito solo nel recupero, mentre la Svezia di Filip Helander cede sempre di misura a Craiova contro la Romania (gol di Rotariu al 57’), schierando il difensore rossoblù per tutta la gara. Infine, 0-0 tra Danimarca e Cile, con una buona mezzora conclusiva di Erick Pulgar.

© Riproduzione Riservata