Il direttore sportivo della Roma Walter Sabatini

Sabatini: “Il mio futuro è roseo, a giugno sarò libero”

Prima di Roma-Inter, Walter Sabatini ha rilasciato le seguenti dichiarazioni sul suo futuro, che sarà lontano da Roma. «ll mio futuro? È roseo, ma in questo momento è una questione marginale. Ho chiesto a Pallotta di risolvere il contratto il 30 giugno, lui ha accettato e si è dimostrato disponibile. Non ci sarà nessuna buonuscita da trattare. Sono stato molto chiaro e trasparente, non ci sono misteri, è tutto molto semplice. Se il mio futuro è in Inghilterra? No, parlo molto male l’inglese».
Il suo futuro può essere a Bologna? Sembrava così fino a qualche settimane fa, ma nelle ultime ore la pista si sarebbe raffreddata e in pole ci sarebbe Pradè. Ora, avendo Corvino non si può sognare di prendere Sabatini, ma tra Sabatini e Pradè c’è la muraglia cinese, tanto è il divario tra l’uno e l’altro in favore del primo. Perché? Perché Pradè è l’uomo che aveva ceduto Ilicic al Bologna, è quello della querelle legata a Salah e Milinkovic-Savic, poi strappato dalla Fiorentina alla Lazio, e che ha preso Benalouane seppure non integro fisicamente.