Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Truffa e appropriazione indebita: sequestrati beni a Massimo Ferrero, presidente della Samp

Truffa e appropriazione indebita: sequestrati beni a Massimo Ferrero, presidente della Samp

Brutte notizie in casa Sampdoria, prossima avversaria del Bologna in campionato. Massimo Ferrero, presidente della società blucerchiata, è infatti coinvolto in un’indagine del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria: i reati ipotizzati, a vario titolo, sono quelli di appropriazione indebita, truffa, emissione e utilizzo di fatture false, autoriciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita. La Guardia di Finanza, nell’ambito dell’operazione denominata ‘Fuori Gioco’, ha dato quindi esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo nei confronti di Ferrero e di altri cinque indagati per un valore complessivo di 2,6 milioni di euro. Secondo la ricostruzione dei flussi finanziari da parte dell’autorità, è emerso che buona parte di tali somme sono state impiegate per l’acquisto di un immobile di pregio in Firenze, in via dei Renai (ora sottoposto a sequestro).
Oggetto del sequestro anche la Samp, destinataria del provvedimento per un importo di oltre 200 mila euro. Le investigazioni hanno consentito di individuare alcune ipotesi di distrazione dalle casse del club per circa 1,2 milioni di euro (parte del denaro incassato dalla cessione di Pedro Obiang al West Ham nell’estate 2015), attraverso l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti emesse da un’altra società riconducibile a Ferrero, seppur formalmente non amministrata da lui. Parte di quel denaro risulta poi reimpiegato per sanare situazioni debitorie di altre società del Gruppo Ferrero e per finanziare nello specifico due società riconducibili al presidente doriano, al fine di produrre un film da distribuire nel circuito cinematografico.

Foto: it.sports.yahoo.com