Sempre e Comunque
shopping-bag 0
Items : 0
Subtotal : 0,00
View Cart Check Out

Di Vaio:

Di Vaio: “Una buona partita non basta. Verdi deve restare concentrato, Destro è padrone del suo destino”

Nella tarda mattina di oggi, presso lo store Macron-BFC di Galleria Cavour, si è svolta la presentazione ufficiale di ‘Bologna Day: Signori vs Di Vaio’, evento benefico in programma questo venerdì dalle ore 18 al PalaDozza. Al termine, il club manager ha fatto il punto della situazione in casa rossoblù, toccando diversi temi:

Non accontentiamoci – «All’Olimpico abbiamo fatto una buona partita, cosa che per noi dovrebbe essere la normalità, e a fine gara i ragazzi erano contenti perché sentono che da qui a fine campionato hanno qualcosa da dimostrare. Non ci accontentiamo di una singola prestazione, vogliamo ripeterci allo stesso livello e con le stesse motivazioni per i restanti nove match. Serve per la società, per la squadra, per la classifica, per il miglioramento generale. Ora c’è la sosta e poi arriverà la Roma, una sfida in cui potremo riavvicinare quella parte di tifoseria un po’ scontenta. Riconquistare il pubblico dopo aver perso troppe partite in casa è uno dei nostri obiettivi».

Nuove voci su Verdi – «Simone non deve pensare troppo al futuro, abbiamo tutti l’obbligo di guardare partita dopo partita a ciò che bisogna fare adesso. Come detto, l’intento è quello di riavvicinare i tifosi e scrivere un finale di stagione diverso, per questo è necessario restare sul pezzo. Siamo felici che Verdi abbia fatto una grande gara a Roma e sia tornato in Nazionale, ora però bisogna rimanere concentrati sulla squadra perché tutto passa da lì».

Destro, dipende da te – «Ogni giocatore ha la possibilità di scrivere una storia diversa, nel presente e nel futuro. Mattia è padrone del proprio e deve continuare a lavorare così, dando il massimo tutti i giorni in allenamento. Oggi ha compiuto 27 anni ed è nel pieno della maturità, il momento più bello nella carriera di un calciatore, deve sfruttare al meglio le sue grande qualità».

Santurro verso l’esordio – «Siamo sereni, Antonio merita l’occasione di giocare contro la Roma perché è un ragazzo serio che lavora sodo. Negli ultimi mesi è cresciuto davvero molto, e qualche settimana fa gli abbiamo rinnovato il contratto. È sempre il primo ad arrivare e l’ultimo ad andare via da Casteldebole, e ha instaurato un grande rapporto con tutti i compagni per il suo modo di essere nel quotidiano. Il Bologna crede in lui, ha un potenziale importante».